Formazione, innovazione e residenze. La Fondazione Cral stanzia 175 mila euro per sostenere l’Upo
adv-229

ALESSANDRIA – La Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria conferma il sostegno all’attività formativa dell’Università del Piemonte Orientale. A Palatium Vetus il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il notaio Luciano Mariano, e il Rettore dell’Upo, Gian Carlo Avanzi, hanno presentato l’accordo siglato nei giorni scorsi che assicura anche quest’anno all’Ateneo un contributo di 175 mila euro, 150 mila euro per migliorare l’attività di tutoraggio e l’aggiornamento tecnologico e 25 mila euro per le residenze universitarie.

L’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria a favore dell’Università del Piemonte Orientale costituisce anche per il 2022 una delle iniziative più rilevanti adottate nell’ambito del progetto “F.A.R.E.” che riconosce le eccellenze del territorio.  L’Università rappresenta, infatti, “il futuro” e per il Presidente Luciano Mariano è  “un dovere” della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria continuare a sostenere la formazione universitaria.

Il nuovo accordo, ha sottolineato il Rettore, Gian Carlo Avanzi, fortifica ulteriormente il legame tra le due Istituzioni che ha già consentito di potenziare “in maniera sostanziale” la presenza dell’Ateneo ad Alessandria.  Grazie ai 175 mila euro stanziati lo scorso anno dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria l’Università del Piemonte Orientale ha sdoppiato i corsi di laurea e portato ad Alessandria anche studenti di Economia Aziendale, Lettere e Medicina. Grazie al contributo economico della Fondazione sono state attivate due borse di studio, una per il Dottorato di Ricerca in “Chemistry and Biology” al Disit e un’altra in “Ecologia dei sistemi culturali e istituzionali” al Digspes ed è stata siglata la convenzione con la Diocesi di Alessandria che ha assicurato la disponibilità di 20 posti letto al Collegio Santa Chiara di Alessandria per gli studenti fuori sede.

Un impulso” alla ricerca, ai corsi di laurea e un sostegno importante sul fronte dei servizi offerti agli studenti che hanno contribuito ad aumentare l’appeal dell’Università del Piemonte Orientale, che negli ultimi 5 anni ha visto crescere del 40% il numero nuovo di matricole e del 26,7% quello degli iscritti al polo di Alessandria.

Il nuovo contributo di 175 mila euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria permetterà ora all’Ateneo di assumere professori a contratto, esercitatori e “visiting professor”, docenti che arrivano soprattutto dall’estero e che aiuteranno l’Università del Piemonte Orientale a raggiungere gli obiettivi di “internazionalizzazione”.  Verranno poi potenziati i servizi didattici e il tutoraggio in laboratorio per gli iscritti al corso triennale in Chimica e alla Laurea Magistrale in Scienze Chimiche e implementate le infrastrutture tecnologiche delle aule didattiche e del laboratorio informatico del Digspes.