A Novi anziani in coda seduti in strada sulle sedie per la 4^ dose. Asl: “Obbligati a chiamarne tanti”

NOVI LIGURE – “Un’organizzazione completamente assente e location inadeguata”. Una cittadina di Novi Ligure ha commentato così la situazione di alcuni anziani, compresa sua madre, avvenuta martedì mattina. Diversi ultranovantenni, infatti, sono stati immortalati in una foto poi postata sui social mentre attendevano seduti sulle sedie di poter entrare nel presidio Asl di via Papa Giovanni ed effettuare la quarta dose di vaccino anti covid. “Poco prima erano sul muretto, poi le figlie di alcune di queste persone sono riuscite a recuperare qualche sedia” ha aggiunto la donna, critica perché “l’accettazione avveniva in uno stanzino angusto dove passano tutti gli utenti, con relativa coda fuori con distanziamento inesistente”.

adv-39

“Innanzitutto voglio precisare che l’accettazione per il vaccino è separata da quella per gli altri servizi. E poi la Regione Piemonte ha obbligato le Asl a convocare tutti gli over 80 entro il 31 maggio” ha rimarcato il direttore del Distretto Asl di Novi e Tortona e referente del Servizio igiene e sanità pubblica per l’emergenza covid Orazio Barresi “per questo motivo siamo quindi costretti a convocare i cittadini anche in “overbooking”, vista l’indicazione ratificata di un tasso di assenza del 30%. Queste situazioni, purtroppo, possono crearsi se invece, tutti gli anziani si presentano, o magari arrivano molto tempo prima e, inoltre, possiamo contare su un personale medico non così performante e veloce nel gestire la piattaforma informatica come farebbe uno giovane. Insomma, sono situazioni che possono capitare e che non sono purtroppo prevedibili in anticipo. Certo, se Regione Piemonte avesse fissato al 15 giugno la data di fine vaccinazioni sarebbe stato diverso. Purtroppo la mancanza di personale non ci consente di attivare altri luoghi dove poter vaccinare. Al momento la gran parte dei medici vaccinatori che sta lavorando è in pensione. Riaprire l’hub al Centro Dolci Terre non avrebbe senso, anche se si considera il fatto che stiamo andando verso la stagione calda e le persone over 80 potrebbero soffrire le alte temperature che, ricordo bene, la scorsa estate si percepivano all’interno di quella struttura”. 

Per cercare di smaltire il prima possibile le vaccinazioni, comunque, Asl di Novi organizzerà due open day a Cantalupo Ligure e a Gavi, rispettivamente il 26 e 27 maggio, dedicati agli anziani over 80 della Val Borbera e della Val Lemme.

adv-426