Torna Hortus Conclusus, il festival estivo novese alla sua ottava edizione
adv-77

NOVI LIGURE – L’estate novese porta con sé Hortus Conclusus, il festival più originale e ricco dell’anno, nutrito di eventi culturali quasi giornalieri. Ideato e diretto da Andrea Lanza, Hortus si svolge, come ben sanno i tanti appassionati, nelle corti e nei giardini del centro storico. Dal 2015, anno della sua nascita, è cresciuto ed ha coinvolto molte realtà del territorio, che hanno collaborato alla sua realizzazione e all’arricchimento dei suoi contenuti. Hortus Conclusus ha realizzato l’ambizione di portare eventi di altissimo livello nel centro di una piccola città, rendendoli aperti a tutti eppure intimi, inseriti in un contesto cittadino così valorizzato e riscoperto. “Hortus Conclusus è festa, rito, cultura, valore condiviso. Non per tutti, ma per ciascuno”, spiega Andrea Lanza a proposito del carattere prezioso, aperto a tutti e condiviso con e nel territorio, ma anche custodito come un tesoro nello scrigno di horti conclusi, nell’accezione medievale del termine. Non è insolito vedere, durante l’estate, persone che girano Novi, trasferendosi da un giardino ad una corte, per seguire più di un appuntamento giornaliero del Festival, ed è anche questo che dà la misura della vivacità che ciò che è qualitativo porta con sé. Dopo gli ultimi due anni, che avevano imposto un’unica sede ampia, per garantire la necessaria distanziazione, questa ottava edizione ritorna in luoghi più intimi, a misura di evento e della sua valorizzazione. Il palinsesto si svolgerà, dopo l’anteprima, dal 26 luglio al 18 settembre, dal martedì al sabato. Comprenderà spettacoli di teatro, musica e danza, cinema, conferenze, dibattiti, workshop, sempre con la partecipazione di artisti provenienti da tutta Italia, di giornalisti, di scienziati e di docenti di ogni settore. L’anteprima (ancora da rivelare il titolo) è fissata per il 14 luglio alle ore 21, dedicata a tutti gli amanti delle storie vere (e di quelle meno vere) e indimenticabili.  Il festival si aprirà poi il 26 luglio, sempre alle 21, con un evento, anch’esso al momento top secret, che promette di condurre in un’epoca lontana, tra palme, santi e leoni, creato ad hoc per Hortus.

Gli eventi sono ad ingresso libero con un contributo richiesto a sostegno dell’iniziativa. Per accedere è necessaria la tessera associativa acquistabile presso La Bottega del Sanconiglio di Novi (anche per info: Tel . 0143341074 E-Mail info@labottegadelsanconiglio.it). Per informazioni è possibile contattare anche la Segreteria del festival: Mob. 333 99 70 358 E-Mail inhortus@gmail.com.

Esistono due tipi di tessere: quella da 20 euro, che permette l’accesso ai luoghi del Festival e comporta  un contributo volontario per la partecipazione ad ogni evento e quella da 80 euro, definita Free Pass, i cui costi sono tutti compresi e che permette la fruizione di ogni evento. Per chi non ha la tessera sarà possibile partecipare al singolo evento con la forma One Shoot, ovvero un unico contributo di 20 euro.