In carcere in India da un mese, l’appello della famiglia del ragazzo pozzolese: “Torni presto a casa”
adv-637

POZZOLO FORMIGARO – “Federico è un ragazzo incensurato, col passaporto regolare, non ha fatto niente di male. Anzi, viaggiava per aiutare gli altri“. Questo l’appello della famiglia del 28enne di Pozzolo Formigaro, arrestato lo scorso 5 luglio in India con l’accusa di ingresso illegale. Insieme a loro l’avvocato Claudio Falleti e il sindaco di Pozzolo Domenico Miloscio che, a nome di tutta la comunità, ha sollecitato un “intervento urgente” del Ministero degli Esteri, oltre a rivolgersi al Capo dello Stato Sergio Mattarella. “Il delicato periodo elettorale che stiamo vivendo non rallenti l’apertura di un canale diplomatico” ha rimarcato il primo cittadino.

Da oltre un mese Federico Negri si trova nel penitenziario del distretto di Maharajganj, nella città di Sonauli. Quel 5 luglio Federico era entrato in India per poter poi prendere un aereo per l’Italia e riabbracciare i genitori Guido e Silvana, insieme alla sorella Ilaria. Era partito due anni e mezzo fa, all’inizio del 2020. “Ha visitato e vissuto in Nepal, soprattutto a Katmandu e Pokhara. Gli piaceva viaggiare e, nello stesso tempo, aiutare la popolazione che incontrava” hanno raccontato i famigliari “si guadagnava da vivere facendo diversi lavori, dal contadino all’imbianchino. In altri paesi del mondo ha lavorato anche come cuoco o baby sitter, questa è la sua passione ma ora voleva tornare a casa“. Il 5 luglio Negri stava parlando al telefono con la madre Silvana proprio mentre stava attraversando il ponte per entrare in India. Il suo arresto è stato comunicato alla famiglia 4/5 giorni dopo. “Era andato in India perché dal Nepal non sarebbe potuto partire, aveva il visto scaduto. Probabilmente le stesse autorità nepalesi gli hanno consigliato di fare così” ha precisato l’avvocato Falleti “di certo non se l’è cercata. Federico è un viaggiatore come tanti altri”. 

Dopo l‘udienza di convalida dell’arresto del 16 luglio, due giorni fa si è tenuta la seconda udienza dove, a sorpresa, non è stata accettata la cauzione per liberarlo. Federico ora rischia dai 2 agli 8 anni di carcere. “Per questo abbiamo deciso di divulgare la notizia e sollecitare il Governo. Sappiamo che la Farnesina si è già attivata, sappiamo che Federico sta bene ma chiediamo che venga visitato dal Console Italiano, che possa parlare al telefono coi suoi famigliari e che lo stesso Console sia presente alle prossime udienze. Noi, nel frattempo, stiamo preparando l’appello per risollecitate la libertà su cauzione“.

La conferenza stampa su Federico Negri di Pozzolo Formigaro, arrestato in India – Foto di RadioGold