Siccità: aumentano i comuni in sofferenza e a Ponzone il livello del lago è sceso a 0,50 metri

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Si allunga ancora l‘elenco di comuni costretti a limitare l’uso dell’acqua solo per scopi alimentari e igienici nell’area gestita da Ato6, l’autorità che si occupa della preziosa risorsa idrica. Sono oltre 80 i comuni in difficoltà con una situazione che continua a registrare peggioramenti. A Mornese, Castelletto d’Orba, San Cristoforo e Montaldeo è necessario prelevare acqua dal Lago Lavagnina ma la disponibilità idrica si sta riducendo in misura sensibile. A Gavi è stata posizionata una pompa direttamente in alveo del Lemme mentre a Tassarolo ci sono difficoltà nel rifornire parte del paese.

Tra le aree in forte sofferenza figura ancora Ponzone, nell’acquese, dove il livello del lago è sceso a 0,50 metri mentre in precedenza era a 1,505. A Borgoratto e Bosio invece è stato sospeso il ricorso alle autobotti per il rifornimento del serbatoio dei Taconotti e della frazione Capanne di Marcarolo. Sempre le autobotti sono però ancora necessarie a frazione San Luca di Molare con l’aggiunta di una cisterna supplementare per alimentare la rete. Stesso discorso anche per l’Olbicella, Castelletto d’Erro e Cavatore. La mappa di Ato6 sulle criticità idriche evidenzia come sia diffusa la crisi idrica con l’evidente difficoltà in particolare dell’area acquese:

Mappa crisi idrica ato6 9 agosto 2022