Attivo anche ad Alessandria il protocollo misure antismog

ALESSANDRIA – Dal 15 settembre 2022 è entrato in vigore il ‘Protocollo Antismog‘ che durerà fino al 15 aprile 2023, che prevede l’entrata in vigore delle misure antismog concordate e decise a livello di bacino padano dalle Regioni, con il Ministero dell’Ambiente, varate con un provvedimento della Giunta regionale piemontese e adottate dalla Città di Alessandria con un’Ordinanza Sindacale n.10 del 24/9/2021.

adv-392

Sono state ridotte le esenzioni, con l’introduzione del sistema Move-In (MOnitoraggio dei VEicoli INquinanti) attivo dallo scorso 30 luglio 2021. L’adesione al sistema da parte dei cittadini è volontaria, il proprietario di un veicolo rientrante nei limiti alla circolazione con ‘Move-In’ potrà circolare senza blocchi orari o giornalieri, ma rispettando solo un tetto massimo di percorrenza chilometrica annuale, calcolato in base alla tipologia e alla classe ambientale del veicolo. Aderendo a ‘Move-In’, il veicolo non sarà più soggetto ai blocchi orari e giornalieri vigenti, ma, installando una scatola nera (black-box) sarà invece monitorato attraverso il conteggio totale dei km percorsi in qualsiasi fascia oraria e dentro un tetto massimo di km/anno stabilito in base alla tipologia e alla classe ambientale del veicolo.
Le limitazioni strutturali valide tutto l’anno riguardano il divieto di circolazione dalle ore 00 alle ore 24 tutti i giorni (festivi compresi) dei veicoli adibiti al trasporto di persone e dei veicoli adibiti al trasporto merci con omologazione inferiore o uguale all’Euro 2 per i veicoli alimentati a benzina e diesel, con omologazione inferiore o uguale a Euro 1 per i veicoli alimentati a GPL e metano.

Dal 15 settembre al 15 aprile si aggiungono:

il divieto di circolazione veicolare dalle ore 8:30 alle ore 18:30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, dei veicoli dotati di motore diesel adibiti al trasporto persone e adibiti al trasporto merci con omologazione uguale a Euro 3 ed Euro 4;
il divieto di circolazione veicolare dalle ore 00 alle 24 tutti i giorni (festivi compresi) di tutti i ciclomotori e i motocicli adibiti al trasporto di persone o merci con omologazione inferiore o uguale a Euro 1.
Al raggiungimento delle soglie stabilite sono adottate le seguenti misure temporanee aggiuntive rispetto alle misure strutturali valide tutti i giorni della settimana festivi compresi dal 15 settembre di ogni anno al 15 aprile dell’anno successivo:

IL LIVELLO ARANCIO

Si applica in caso di previsione del superamento per tre giorni consecutivi, del PM10, superiori di 50 mcg/mc, farà scattare il blocco dei veicoli diesel con omologazione uguale a Euro 3 ed Euro 4 adibiti al trasporto persone e al trasporto merci anche il sabato e nei giorni festivi, dalle ore 8:30 alle ore 18:30, stop alla circolazione dei veicoli adibiti al trasporto persone dotati di motore diesel con omologazione uguale a Euro 5, dalle ore 8:30 alle 18:30 di tutti i giorni (festivi compresi). Si ricorda che per tutti i mezzi vige il divieto di sosta con motore acceso.

LIVELLO ROSSO

Si applica in caso di previsione del superamento per tre giorni consecutivi, del PM10, superiori di 75 mcg/mc e farà scattare il blocco dei veicoli diesel con omologazione uguale a Euro 5 dalle ore 8:30 alle 12:30 di tutti i giorni (festivi compresi).

Durante i giorni di allerta di livello arancio e rosso sono applicati anche i seguenti divieti non legati alla circolazione veicolare:
– divieto di utilizzo dei generatori a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con classe di prestazioni energetiche ed emissive almeno per la classe 5 stelle
– divieto assoluto di combustioni all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio ecc.)
– introduzione del limite di 18°c (con tolleranza di 2°c) per le medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali
– divieto di spandimento di liquami zootecnici
– divieto di distribuzione di fertilizzanti, ammendanti e correttivi contenenti azoto

Il territorio interessato dalle limitazioni alla circolazione veicolare (planimetria antismog) è limitato ai centri abitati presenti sul territorio comunale, così come definito dall’art. 3 comma 1 punto 8) del d.lgs 285/92, fatta eccezione per le frazioni e/o nuclei abitati non servite da Trasporto Pubblico Locale e per le seguenti strade che resteranno percorribili per il raggiungimento dei parcheggi:

– Da EST Spinetta – via Marengo (SR 10), semaforo e svolta a sinistra in via San Giovanni Bosco, rotatoria con via Don Luigi Orione, inversione verso via San Giovanni Bosco, ingresso al parcheggio Caduti di Nassirya (se il parcheggio fosse esausto, direzione viale Massobrio, spalto Marengo per ingresso su parcheggio Berlinguer).
– Da NORD Valmadonna – viale Milite Ignoto, svolta a destra ingresso al parcheggio di piazza Divina Provvidenza (se il parcheggio fosse esausto, proseguire su viale Milite Ignoto, rotatoria con spalto Marengo, svolta a sinistra in corrispondenza dell’interruzione dello spartitraffico all’altezza di via di Vittorio, per ingresso su parcheggio Berlinguer).
– Da OVEST San Michele – via Giordano Bruno, rotatoria con via Tiziano, via Vecellio Tiziano, rotatoria con spalto Borgoglio, spalto Borgoglio per ingresso su parcheggio ex FFSS.
– Da SUD Casalbagliano/Casalcermelli/Cantalupo Corso Carlo Marx, via Bonardi, per ingresso su parcheggio piazza Maldino.

Sulla homepage del sito del Comune di Alessandria è presente il bottone che indica il livello di allerta che rimanda alla pagina dedicata.