Dopo l’incendio nel reparto Decatreno all’ex Ilva ora “si prospetta periodo di fermata molto lungo”
adv-997

NOVI LIGURE – Si prospetta un “periodo di fermata molto lungo” alle Acciaierie d’Italia di Novi Ligure dopo l’incendio che si è verificato questa mattina nel reparto “Decatreno” in prossimità dell’imbocco rotoli. Come ricostruito nella nota firmata delle Rsu e da Fim, Fiom e Uilm di Alessandria, le fiamme, provocate probabilmente da un corto circuito, hanno generato una densa nube di fumo ma sono state prontamente spente.  “L’immediato intervento del personale dello stabilimento e del sistema antincendio – hanno sottolineato i sindacati nella nota – hanno impedito ulteriori danni all’impianto e soprattutto hanno messo in sicurezza tutti i lavoratori”. In attesa di chiarire le cause dell’incendio, le Rsu di Fim, Fiom e Uilm, congiuntamente alle Segreterie provinciali dei metalmeccanici, hanno rimarcato “lo stato di degrado in cui versa lo stabilimento di Novi Ligure, carente di manutenzione ordinaria e straordinaria a causa della mancanza di liquidità e risorse”.

Le organizzazioni sindacali, hanno quindi concluso, “metteranno in campo qualsiasi tipo di iniziativa per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori”.