Quadruplicamento linea ferroviaria Tortona-Voghera: al via il dibattito pubblico nei comuni coinvolti

TORTONA – Il quadruplicamento della linea ferroviaria Tortona- Voghera di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), parte del potenziamento ferroviario delle linee Milano-Genova e Torino-Alessandria-Piacenza, è in fase di progettazione preliminare.

adv-657

È un’opera funzionale al potenziamento dell’itinerario Milano-Genova e alla prossima attivazione del Terzo Valico dei Giovi, che aumenterà i collegamenti del sistema portuale ligure con le principali linee ferroviarie del Nord Italia e con il resto d’Europa. Attraverserà i territori di Tortona, Pontecurone e Voghera e si affiancherà alla linea storica per ridurre al minimo gli impatti sul territorio e il consumo di suolo.

Dopo un primo confronto con gli enti territoriali coinvolti – Regioni Lombardia e Piemonte, Province di Pavia e Alessandria, Comuni di Voghera, Tortona e Pontecurone – è stata avviata la procedura di dibattito pubblico per presentare il progetto e ascoltare i cittadini. Durante gli incontri si potranno conoscere i dettagli del progetto e si potrà contribuire direttamente alla valutazione del tracciato dell’opera con osservazioni e suggerimenti. Il dibattito pubblico mira ad illustrare il progetto del quadruplicamento per raccogliere, da tutti i potenziali interessati, osservazioni e proposte utili a RFI e Italferr per meglio valutare l’opera e i suoi impatti sul territorio.

adv-339

 

Gli incontri di confronto pubblico per cittadini, stakeholder e tutti gli interessati a conoscere il progetto si terranno lunedì 24 ottobre alle 20.30 alla sala Romita di Tortona, martedì 25 ottobre alle 20.30 alla sala Soams di Pontecurone e mercoledì 26 ottobre alle 20.30 alla sala Zonca di Voghera. Per partecipare è necessario iscriversi sul sito del Dibattito pubblico (https://www.dptortonavoghera.it/partecipa-al-dibattito/) oppure tramite l’URP dei comuni di Tortona, Pontecurone e Voghera. La partecipazione in presenza sarà possibile nei limiti della capienza delle sale. Per coloro che non dovessero trovare posto, sarà possibile seguire gli incontri a distanza. Sempre sul sito dedicato all’opera è possibile consultare la documentazione del nuovo tracciato ferroviario e delle opere accessorie. Sarà inoltre possibile continuare a dialogare con il coordinatore del dibattito, inviando richieste e proposte all’indirizzo info@dptortonavoghera.it fino a metà dicembre 2022. Al termine del percorso, che si chiuderà a gennaio 2023, sarà presentata la relazione conclusiva in un incontro pubblico finale.

Venerdì 14 ottobre il progetto è stato presentato ufficialmente da Rete Ferroviaria Italiana alla presenza delle principali istituzioni nazionali e locali nella Sala del Consiglio provinciale di Alessandria a Palazzo Ghilini. La conferenza è stata aperta dal presidente della Provincia di Alessandria Enrico Bussalino e dal prefetto di Alessandria Francesco Zito. Vi hanno partecipato l’assessore Trasporti e Infrastrutture Regione Piemonte Marco Gabusi, Dante Scoccianti, dirigente struttura Rete ferroviaria della Regione Lombardia, Vincenzo Macello, Commissario straordinario di Governo per la realizzazione dell’opera e vicedirettore generale Network Management Infrastrutture di RFI, Andrea Panzavolta, coordinatore del dibattito pubblico ed esperto di facilitazione: nel dibattito pubblico ha il compito di far sì che tutti possano ricevere informazioni chiare ed esaustive sull’opera e proporre osservazioni e contributi relativi a possibili migliorie progettuali. Presenti anche il consigliere provinciale Claudio Mangiarotti della Provincia di Pavia, il sindaco del Comune di Tortona Federico Chiodi, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Voghera William Tura e il sindaco di Pontecurone Giovanni D’Amico.

Il Commissario straordinario di Governo per la realizzazione dell’opera Vincenzo Macello ha descritto il progetto: ” Si tratta di un quadruplicamento di 16 km con una velocità di progetto che sarà 200-250 km/h. Noi adesso abbiamo chiuso il progetto di fattibilità tecnico-economica. Con oggi abbiamo avviato il dibattito pubblico e la condivisione, il confronto, l’ascolto, l’informazione a tutti gli enti e ai cittadini. Una volta chiuso il dibattito pubblico, che finirà attorno a gennaio, avvieremo la verifica d’impatto ambientale con il ministero della Transizione Ecologica e la conferenza di servizi. Diciamo che il 2023 è l’anno per chiudere l’iter autorizzativo e conseguentemente trovarci pronti per poter poi, una volta approvato il progetto, andare in gara d’appalto. Ad oggi l’opera è finanziata solo per la fase progettuale però è inserita all’interno delle opere strategiche a livello nazionale. Quindi, una volta ricevuto il finanziamento dell’opera, saremo pronti per poter andare in gara. Se riuscissimo ad andare in gara intorno alla fine del 2023 potremmo effettivamente riuscire ad avere l’opera dopo il 2026, ma non molto lontano”.


“Siamo contenti che il sistema infrastrutturale di questa provincia possa essere potenziato, però siamo anche contenti del fatto che i cittadini vengano ascoltati. Attraverso questo dibattito pubblico che si svolgerà su più giornate, per quanto riguarda la nostra provincia, a Tortona e a Pontecurone, potranno essere sentiti i cittadini, soprattutto informati, e quindi il progetto non potrà che migliorare”,  ha detto il prefetto di Alessandria Francesco Zito.


“Sicuramente è un’opera molto importante che si inserisce nell’opera di potenziamento della rete ferroviaria che passa per Tortona” – ha detto ai nostri microfoni il sindaco di Tortona Federico Chiodi. “Abbiamo avuto l’opera importantissima del Terzo Valico, che sta andando a conclusione. Con questo quadruplicamento e poi al raggiungimento finale della tratta fino a Milano, Tortona diventerà sostanzialmente una fermata della metropolitana di Genova e di Milano, quindi è molto facilmente raggiungibile e molto utile anche per sollecitare eventuali insediamenti di aziende nel nostro territorio, perché chiaramente il costo della vita da noi è sicuramente inferiore a quello delle metropoli, oltre ad essere una qualità decisamente superiore. Di conseguenza è bene che si sia aperto un dibattito pubblico, perché tutti devono essere coinvolti proprio sul discorrere di quest’opera, sul conoscerla meglio anche per evitare delle posizioni di principio contrarie per una grande opera che oggettivamente può portare grandissime ricadute positive sul nostro territorio”. 


“Il Comune di Voghera esprime parere favorevole su un’opera di questo tipo” – ha commentato William Tura, assessore all’Urbanistica del Comune di Voghera – “Voghera ha anche questa sua peculiarità di città con tanti pendolari. Per motivi lavorativi sicuramente l’interesse è alto per migliorare un servizio, non solo quello legato ad un aspetto più economico di circolazione delle merci, ma anche di servizio per i trasporti”.

Il sindaco di Pontecurone Giovanni D’Amico ha detto che in Paese nessuno è contrario all’opera: Le preoccupazioni che possono emergere, più che altro, sono di carattere ambientale e logistico. Da noi è nato un comitato spontaneo di cittadini, tutti favorevoli all’opera”.