Rapine e una estorsione. I Carabinieri di Acqui arrestano due giovani “spregiudicati e violenti”
adv-151

ACQUI TERME – Sono accusati di aver commesso almeno tre rapine e una estorsione i due giovani acquesi di 19 e 22 anni arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Acqui Terme. Già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, i due questa estate si sono resi responsabili di quattro episodi violenti che avevano destato preoccupazione e allarme tra i cittadini.


Il primo si era verificato a luglio quando i due avevano prima deriso e poi colpito con diversi pugni alla testa un loro coetaneo incontrato in un locale pubblico, poi rapinato del portafoglio con all’interno 600 euro. Sempre a luglio il 19enne aveva poi spintonato e preso a pugni l’addetto alla sicurezza di un supermercato di Acqui che aveva cercato di impedire il furto dei generi alimentari e dei superalcolici che il giovane aveva nascosto addosso. La violenza del 19enne era di nuovo esplosa nel mese di settembre contro il titolare di un bar nel centro della città termale. Il giovane l’aveva affrontato e aveva minacciato di dare fuoco al locale. A quel punto, il titolare, spaventato da quella violenza, era stato costretto a consegnargli i 35 euro di incasso che aveva guadagnato. A settembre, poi, l’ultimo e forse più violento episodio. I due giovani avevano atteso la notte per introdursi in una panetteria di Acqui e avevano poi minacciato e malmenato il titolare per farsi consegnare il denaro, continuando a schiaffeggiarlo ripetutamente anche dopo aver constatato che l’uomo non aveva denaro con sé e neppure nel panificio.

I Carabinieri, ha sottolineato il Comandante del Reparto Operativo del Comando provinciale di Alessandria, il Colonnello Giuseppe Di Fonzo, hanno dato una “tempestiva risposta alle preoccupazioni dei cittadini” e grazie agli elementi raccolti durante le indagini condotte dai militari della Compagnia di Acqui Terme, al comando del Maggiore Gabriele Fabian, e coordinate dalla Pm della Procura di Alessandria Lisa Iovane, hanno arrestato i due giovani, ora in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

adv-298