Shevchenko riceve il premio Liedholm: “Ringrazio l’Italia che ha accolto tanti ucraini”

LU CUCCARO – Un emozionato Andrij Shevchenko ha ricevuto oggi il premio Liedholm, simbolo di sportività e lealtà nel calcio e nella vita. Accompagnato da Mauro Tassotti, campione del Milan e suo storico collaboratore, Shevchenko succede nell’albo d’oro ad altri grandi campioni sul campo e in panchina come Ancelotti e Maldini. Il giornalista della Gazzetta dello Sport Alberto Cerruti ha ricordato i tanti punti in comune tra il pallone d’oro 2004 e il Barone: i colori giallo e blu delle bandiere di Svezia e Ucraina, la poliedricità in tanti sport e il provenire da paesi del nord e vincere al Milan.

“Per me è un grande onore essere qua” ha detto Shevchenko “quando sono arrivato in Italia ho sentito parlare di Nils, ne parlavano tutti con grande rispetto, che ha fatto esordire tanti campioni come Maldini. Era una persona onorevole, di parola, è molto raro trovare persone così. Voglio anche ringraziare l’Italia che ha accolto tanti ucraini. Continuate ad aprire il vostro cuore e a sostenere il mio paese”.