Pronto il piano neve della Provincia: “Sulle strade secondarie più passaggi in caso di nevicate”

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – La Provincia di Alessandria è pronta ad affrontare i mesi più freddi dell’anno. Il nuovo piano neve di Palazzo Ghilini coinvolge un centinaio di ditte legate al contratto triennale partito lo scorso anno. In tutto sono circa 150 i mezzi a disposizione per spargere sale e togliere la neve lungo i 1800 km di competenza della Provincia. In caso di nevicate, nelle cosiddette strade “principali, ossia quelle che collegano i centri zona e quelle maggiormente trafficate, anche questo inverno il servizio degli sgombraneve partirà con 5 centimetri a terra. Rispetto allo scorso anno saranno invece di più” i passaggi lungo le strade secondarie. I mezzi, infatti, si attiveranno con cumuli di 7 centimetri, e non più 10 come accadeva lo scorso inverno. I centimetri inseriti nel documento, comunque, non sbarrano un’eventuale uscita anticipata dei mezzi. Come spiegato da Paolo Platania, dirigente del settore Viabilità di Palazzo Ghilini, i sei capi reparto della Provincia che hanno il compito di coordinare le ditte coinvolte nel servizio “sono sul territorio e lo conoscono bene” e attiveranno i mezzi anche prima, qualora fosse necessario.

Con la riduzione dell’altezza della neve per l’intervento dei mezzi sulle strade secondarie si garantisce, intanto, “un passaggio in più” degli spartineve in caso di nevicate. E questo senza variare il costo” del piano neve. Per prevenire la formazione di ghiaccio e togliere la neve dalle strade provinciali Palazzo Ghilini ha stanziato 1,5 milioni di euro:Abbiamo ottimizzato le uscite sfruttando al meglio le risorse a disposizione ha precisato il Presidente della Provincia, Enrico Bussalino. Al milione e mezzo vanno poi aggiunti i circa 300 mila euro spesi per l’acquisto del sale. Il prezzo è “aumentato in modo sensibile”, ha spiegato Paolo Platania. L’Ente, ha aggiunto il dirigente del settore Viabilità di Palazzo Ghilini, si è però mosso con un adeguato anticipo e ha scorte che dovrebbero “tranquillamente bastare” per il prossimo inverno, sempre che non ci aspetti una stagione particolarmente gelida e con frequenti nevicate.

Qualche disagio in inverno è “inevitabile”. Il ghiaccio, se le temperature scendono già 3 gradi sottozero può formarsi comunque, “anche se si sparge il sale” e per avere strade “sempre perfettamente pulite” la Provincia dovrebbe avere risorse economiche “decisamente superiori”. La situazione economica dell’Ente è “migliorata rispetto al passato”.Grazie ai maggiori trasferimenti da parte dello Stato, e ai risparmi dell’Ente, gli interventi lungo le strade provinciali nei mesi invernali “non sono a rischio”, ha assicurato il Presidente Bussalino: “Ovviamente tutto dipenderà da quantità e frequenza di eventuali nevicate ma con questo piano siamo in grado di affrontare un inverno con nevicate medie”.

adv-453

Ha inciso positivamente sulla piano neve della Provincia anche il passaggio di alcune strade ad Anas.  Dalla primavera del 2021 la società del Gruppo FS Italiane si occupa anche della manutenzione di circa 290 Km prima di competenza di Palazzo Ghilini.  La Provincia di Alessandria è quella da cui Anas ha preso in gestione “il maggior numero di strade” e lungo queste arterie farà muovere circa 60 mezzi durante le settimane più fredde e in caso di nevicate. 

Lo scorso inverno era stato “clemente” sotto il profilo meteorologico perché non si erano verificate molte nevicate. Quest’anno potrebbe quindi essere “il primo vero banco di prova del piano Neve di Anas lungo le strade dell’Alessandrino”. I mezzi spargisale sono già pronti a entrare in azione appena le temperature si avvicineranno alle zero e sono previste uscite degli sgombraneve “sia durante che dopo le nevicate” perché l’obiettivo è “mantenere pulite e sempre percorribili in sicurezza tutte le strada”.

Anche Anas ha predisposto il suo “piano neve” servendosi di imprese legate al servizio da un contratto di appalto e avrà a disposizione salatori, sgombraneve e mezzi misti, che possono sia spalare neve che spargere sale.  Saranno le varie ditte a far uscire i mezzi a seconda delle condizioni meteorologiche ma in alcuni tratti, come ad esempio i viadotti, dove il manto stradale è generalmente più freddo ed è quindi più frequente la formazione del ghiaccio, il servizio degli spargisale sarà “praticamente giornaliero e ripetuto al mattino e alla sera”.

L’attività delle imprese sarà costantemente monitorata dalla sala Operativa  Anas di Torino e ovviamente risponderà anche alle segnalazioni degli operatori della società e delle forze dell’ordine che si muovono lungo le strade: Il monitoraggio sarà continuo e costante anche durante le feste”. Per muoversi in sicurezza lungo le strade nei mesi invernali, hanno ricordato da Anas, rimane però fondamentale anche l’attenzione degli automobilisti che, oltre a guidare sempre con prudenza, devono avere “equipaggiamenti idonei alla stagione invernale”.