Alla Caserma Valfré prorogati ai prossimi due sabati i vaccini contro fuoco di S. Antonio e pneumococco

ALESSANDRIA – L’Azienda Sanitaria Locale ha fatto il punto sui servizi di vaccinazione nel territorio. Prosegue invece al centro vaccinale dell’ex caserma Valfrè di Alessandria l’iniziativa inserita nella campagna di vaccinazione contro lo Pneumococco e l’Herpes Zoster (fuoco di Sant’Antonio), rivolta ai cittadini di età compresa tra i 65 e i 70 anni ed ai pazienti fragili (come diabetici, persone con basse difese immunitarie, etc) che è stata prorogata nei giorni di sabato 26 novembre e di sabato 3 dicembre.

Dalle 8 alle 14 sarà possibile ricevere la somministrazione dei vaccini anti pneumococco ed herpes zoster. Gli operatori sanitari presenti forniranno informazioni alla popolazione. Si ricorda ai cittadini di presentarsi muniti della tessera sanitaria. La vaccinazione anti pneumococco e herpes zoster può essere effettuata anche in concomitanza con la somministrazione della quarta dose e sarà proposta nelle due giornate di sabato a tutti i cittadini tra i 65 e i 70 anni già prenotati per il vaccino anticovid presso il centro vaccinale Valfrè. L’iniziativa prevede l’accesso diretto, ma è anche possibile effettuare una prenotazione contattando il numero Asl 0131 307822, dal lunedì al venerdì dalle 12.30 alle 18.30.

PNEUMOCOCCO
Lo Pneumococco o Streptococcus pneumoniae è un batterio molto diffuso, responsabile di infezioni anche gravi soprattutto nei bambini con meno di 1 anno, negli adulti con più di 65 anni di età e in chi è affetto da determinate malattie o condizioni. Il vaccino anti-pneumococcico protegge da infezioni causate da questo microrganismo, quali le più frequenti polmoniti e meningiti.

HERPES ZOSTER
L’Herpes Zoster, comunemente conosciuto come “Fuoco di Sant’Antonio”, è una malattia frequente e debilitante, dovuta alla riattivazione del virus della varicella, contratto generalmente nell’infanzia, che rimane silente, anche per molti anni, nel sistema nervoso e può manifestarsi in un qualsiasi momento soprattutto negli anziani e in chi ha il sistema immunitario debilitato. L’infezione causa un’eruzione cutanea dolorosa, con la comparsa sul corpo di vescicole accompagnate da bruciore e prurito. La complicanza più comune è rappresentata dalla nevralgia post-erpetica: una sindrome dolorosa cronica che può durare mesi o, addirittura, anni dopo la guarigione delle lesioni cutanee. Il vaccino, somministrato in dose singola, riduce il rischio di sviluppare l’Herpes Zoster e soprattutto protegge dalla nevralgia post-erpetica.

Venerdì 25 novembre, invece, tutti i centri vaccinali Asl saranno chiusi per aggiornamento dei sistemi e formazione del personale: gli appuntamenti previsti sono stati riprogrammati e sarà sospeso l’accesso diretto.