Ad Acqui l’Ufficio di prossimità per una “Giustizia più vicina ai cittadini”

ACQUI TERME – Ad Acqui Terme la Giustizia è “più vicina ai cittadini grazie all’Ufficio di prossimità. Nei locali dell’ex Tribunale della città termale, in Piazza San Guido, è stato attivato un nuovo servizio per il disbrigo di alcune pratiche connesse alla volontaria giurisdizione, in particolare con riferimento alle amministrazioni di sostegno, per evitareai cittadini lo spostamento fino ad Alessandria.

L’Ufficio di prossimità, realizzato grazie alla collaborazione con il Ministero della Giustizia, la Regione Piemonte, la Corte d’Appello di Torino, il Tribunale di Alessandria, il Comune di Acqui Terme e l’ASCA, sarà aperto ogni martedì dalle 9 alle 13 (telefono per appuntamenti 3406068058), consentirà di inviare atti telematici agli uffici giudiziari, nell’ambito della volontaria giurisdizione, per le sole pratiche per le quali non è necessaria l’assistenza dell’avvocato.

“Si mette a disposizione dell’intera comunità un luogo unico in cui i diversi enti che partecipano alla costruzione del sistema delle tutele possano offrire servizi integrati e di facile accesso per tutti i cittadini” hanno spiegato dal Comune di Acqui.

adv-377

L’ufficio è stato stato inaugurato giovedì 1° dicembre, alla presenza del Sindaco di Acqui, Danilo Rapetti, dell’Assessore Regionale Marco Protopapa, del Presidente della Corte d’Appello di Torino, Edoardo Barelli Innocenti, e del Presidente del Tribunale di Alessandria, Antonio Marozzo.

In occasione del taglio del nastro si è tenuto il convegno “Necessità, fragilità e difficoltà quotidiane”, moderato dall’Avv. Valentina Pilone, consigliere del Comune di Acqui Terme con delega all’Ufficio di Prossimità, evento accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Alessandria e con il patrocinio la Scuola di Formazione Forense Giorgio Ambrosoli di Alessandria, dell’Università del Piemonte Orientale e dell’Asso Avvocati.

Relatori del convegno: l’Avv. Silvia Ferrari, consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Alessandria, la quale ha introdotto “la figura dell’amministratore di sostegno”; il Prof. Paolo Cendon, professore di Diritto privato all’Università di Trieste, che, in un video messaggio, ha introdotto “i diritti delle persone fragili”; la Dott.ssa Donatella Poggio, Responsabile Area tecnico sociale ASCA e Referente UdP Acqui Terme che ha parlato di “Territorialità e vicinanza: il ruolo dell’ufficio di prossimità nel sostegno ai più fragili”.

Dopo aver ascoltato gli interventi del Dott. Edoardo Barelli Innocenti – Presidente della Corte d’appello di Torino, del Dott. Antonio Marozzo – Presidente del Tribunale di Alessandria, della Dott.ssa Carmelina De Meo – Funzionaria della Corte d’Appello di Torino, e della Dott.ssa Francesca Cuomo Ulloa – Direttore dell’ufficio della volontaria giurisdizione e referente di progetto per il Tribunale di Alessandria – il convegno si è concluso con le prospettive legate a questo progetto pilota con l’intervento dell’Avv. Monica Menini e il Dott. Filippo Pappalardo – referenti dell’impresa che coordina gli uffici di prossimità per la regione Piemonte.