Weekend di controlli a tappeto nell’acquese: un arresto e 18 denunce

ACQUI TERME – Articolata operazione di controllo nel fine settimana da parte dei Carabinieri della Compagnia di Acqui Terme in collaborazione con le pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile delle Stazioni dipendenti e il personale dell’Aliquota Operativa, in abiti civili. Il monitoraggio del territorio ha portato all’arresto di una persona e alla denuncia di diciotto persone.

In manette è finito un cittadino siciliano di 50 anni, da tempo residente ad Acqui Terme. L’uomo è stato sorpreso nei pressi di un esercizio pubblico mentre stava cedendo due dosi di eroina mista a cocaina a un altro soggetto.

Un minore di Belforte Monferrato è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti, perché trovato in possesso di una dose di hashish. Denuncia anche per due persone sorprese, durante il controllo delle loro auto, con coltelli di 15 e 20 centimetri.

Gli appostamenti sulle strade da parte dei militari ha inoltre permesso di recuperare un telfono rubato in possesso di un cittadino peruviano. L’uomo, sottoposto all’alt dei Carabinieri, ha mostrato evidente segni di nervosismo e il controllo approfondito ha consentito di individuare lo smartphone ruibato mesi prima a Ovada.
Complesivamente il controllo del territorio ha portato alla denuncia di altri dieci cittadini stranieri per reati inerenti l’ingresso clandestino in Italia o per mancata esibizione del permesso di soggiorno. Un cittadino romeno di 23 anni è stato infine identificato nei pressi della stazione acquese nonostante il provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale spiccato nei suoi confronti mesi fa dal Questore di Genova.

Tra le violazioni anche quella di un automobilista, alla guida senza aver mai conseguito la patente.
Non è stata l’unica violazione sulla strada perché i Carabinieri hanno inoltre denunciato tre persone per guida in stato di ebbrezza. Tra di loro spicca il provvedimento nei confronti di un cittadino di Sassari, di 35 anni, uscito di strada con la propria auto e con un tasso di alcol nel sangue al limite del coma etilico (2.85 g/l).