adv-5
adv-614
Oltre 300 partecipanti al convegno sul disagio e sulle devianze minorili al Teatro Civico di Tortona

TORTONA – Giovedì mattina si è svolto al Teatro Civico di Tortona l’incontro dal titolo “…La linea sottile…Disagio e Devianza Minorile (possibili attività di prevenzione e contrasto). Presenti gli studenti degli istituti scolastici del Tortonese, personale del CISA di Tortona e degli altri enti gestori della provincia di Alessandria oltre alle varie autorità locali ed associazioni. Oltre 300 i partecipanti.

Il dibattito è stato aperto dal Procuratore Capo dei Minori Emma Avezzú che ha illustrato ai presenti l’organizzazione del suo ufficio, i reati in cui i minori incorrono molto spesso e le relative responsabilità nonché il fenomeno delle gang giovanili, fornendo un valido supporto al fine di prevenire qualsivoglia fattispecie criminosa ed il supporto svolto dalla Procura dei Minori. A seguire Federico Chiodi, sindaco di Tortona che in veste di educatore ha illustrato il valore della scuola, della formazione giovanile e quello che le istituzioni locali, in sinergia tra loro, posso svolgere per il supporto e sostegno ai bisogni dei giovani.

convegno disagio giovanile tortona 4
convegno disagio giovanile tortona 2
convegno disagio giovanile tortona 3
convegno disagio giovanile tortona 5

Maria Teresa Zambosco, Direttore del CISA ha invece illustrato la rappresentazione del servizio sociale come risorsa, soffermandosi sugli interventi indirizzati ai giovani e alle loro famiglie, rilevando le sfumature emotive legate a questa delicata fase di età. L’occasione è stata propizia per lanciare il Pronto intervento sociale, il nuovo servizio erogato dal CISA che prevede una reperibilità 24h su 24h, sette giorni su sette, tramite l’attivazione di una Centrale Operativa che prevede il coordinamento tra servizi sociali e forze di polizia nel caso in cui venga individuato un disagio sia di minori, adulti e anziani affinché possano essere valutate le specifiche situazioni per poi essere prese in carico dagli enti competenti.

adv-843

I lavori sono stati conclusi dal Capitano Domenico Lavigna che dopo aver posto l’accento sulle paure, i sentimenti e le angosce che i giovani stanno affrontando spesso da soli, si è soffermato sul concetto di disagio e devianza minorile nonché sugli interventi preventivi svolti dall’arma dei Carabinieri per prevenire tali situazioni attraverso gli incontri nelle scuole o con le istituzioni nell’ambito del progetto “La cultura della legalità“. Gli studenti, apparsi molto interessati all’evento hanno partecipato attivamente ponendo delle domande pertinenti e facendo emergere le loro emozioni.

Un’altra occasione per sottolineare e ribadire come la sinergia tra le istituzioni sul territorio rappresenti un valore aggiunto per migliorare l’intervento ed il servizio nei confronti del cittadino e in questo caso nei confronti delle giovani generazioni, che dopo un lungo periodo di tempo “sospeso” devono recuperare il ruolo di protagonisti del futuro.

Leggi Anche