OVADA – Viaggiavano su un banale furgone con pianale e senza diverse prescrizioni amministrative. Dodici caprette erano state stipate in un veicolo fermato sulla A26 martedì scorso verso le 12. La Polizia di Stradale di Ovada ha intercettato il mezzo partito da Reggio Emilia e diretto ad Albenga in un viaggio di oltre 300 chilometri. I controlli effettuati dei poliziotti nei pressi di Ovada, affiancati dal personale ASL, hanno evidenziato diverse irregolarità legate al mezzo di trasporto, alle modalità del viaggio e alla documentazione esibita per l’identificazione degli animali.

Nei guai sono finiti due cittadini italiani, residenti in Liguria, S.G. e D.R., rispettivamente di 41 e 49 anni. Gli animali, una volta compiuti gli accertamenti, sono stati sottoposti a “vincolo sanitario”, una specie di sequestro previsto per gli animali, in attesa di determinare la necessità dell’abbattimento.

Sono in corso ulteriori accertamenti della Polizia di Stato, volti alla possibile determinazione di responsabilità penali in relazione al reato di maltrattamento di animali e di falso in merito ai documenti esibiti.

adv-785

adv-511