Il nuovo asilo Gobetti “perde già i pezzi” e ancora nessuna traccia “dei giochi promessi dal sindaco”
adv-283

ALESSANDRIA – Inaugurata il 6 novembre, la “nuova veste” della Scuola d’Infanzia “Gobetti” di corso Monferrato ad Alessandria comincia già a “perdere pezzi”. Nelle foto inviate alla redazione da una mamma, Alessia, si vedono infatti macchie di umido nei bagni e soffitti già rovinati. Eppure, ha ricordato l’alessandrina, il Comune ha stanziato “ben 350 mila euro per rifare la scuola”.

Da progetto, i lavori eseguiti grazie ai fondi del Pisu, il Piano integrato di sviluppo urbano, hanno regalato una nuova colorata facciata alla struttura e anche moderni serramenti e vetrate per migliorare le caratteristiche energetiche dell’edificio. Gli operai hanno inoltre effettuato una serie di interventi  all’impianto termico, elettrico e a quello idrico nei locali dei servizi igienici. Qualche tubatura, però, sembra aver già iniziato a dare problemi. “Ma come, dopo sei mesi la scuola già cade a pezzi?” ha sottolineato Alessia. Ad aumentare il disappunto della mamma  è poi lo stato in cui versa il giardino dell’asilo.Il giorno dell’inaugurazione il sindaco aveva garantito che la sistemazione dell’area esterna sarebbe stata completata entro la primavera, ma ad oggi non si è visto nessuno”. Nelle foto del prato, tutt’altro che inglese, in effetti non si vede traccia della promessa pavimentazione anti-trauma o dei nuovi giochi per i bambini ma, in compenso, in un angolo del giardino non mancano cartacce e bottiglie di vetro. 

Alessia, tra l’altro, non è la sola a denunciare lo stato del giardino della scuola alessandrina. Girando per la rete anche altre mamme e alessandrini da qualche giorno stanno postando foto dell’asilo e, in particolare, del prato che i bambini  possono solo “guardare dalla finestra”. Denunce “social” che non sono sfuggite a Palazzo Rosso e che hanno già portato a un primo risultato. Martedì l’erba è stata tagliata epresto” potrebbero arrivare anche i nuovi giochi per i bambini.  “Qualche giorno fa”, ha spiegato il vice sindaco di Alessandria, Gian Carlo Cattaneo, è stato raggiunto un accordo con Amag che permetterà al Comune di utilizzare i giochi acquistati in passato dalla partecipata e ora tenuti in un magazzino. “Metteremo la scuola Gobetti tra le nostre priorità e cercheremo di intervenire sulla parte esterna quanto prima”. Mentre gli uffici di Palazzo Rosso si preparano a effettuare un sopralluogo per verificare la causa delle infiltrazioni d’acqua, il vice sindaco ha intanto voluto fare alcune precisazioni in merito ai lavori realizzati con i fondi del Pisu.Qualcuno ha scritto che ci siamo limitati a ‘tinteggiare’ la scuola, ma in realtà l’abbiamo rifatta completamente. La Gobetti era un semplice prefabbricato e ora, dopo un intervento massiccio, è una struttura vera. Non abbiamo rifatto il tetto, è vero, ma quell’intervento non era previsto perchè quando era stato redatto il progetto non presentava problemi. E’ chiaro che ora gli uffici faranno un sopralluogo per verificare la situazione”. Dopo la nostra chiamata, martedì pomeriggio il vice sindaco è anche andato “personalmente” a controllare lo stato del giardino della scuola e, di ritorno, ha assunto un ulteriore impegno. “Ho visto che l’erba nell’area di competenza del Comune è stata tagliata. Rimane un cuscinetto di verde che separa la scuola dal parcheggio che, però,  è di competenza della Provincia. Ammetto che lì l’erba è ancora alta e servirebbe una maggiore manutenzione e mi farò personalmente carico di sollecitare un intervento“.

adv-378

Tatiana Gagliano

adv-475