Imprese ‘in rosa’: nel 2013 Alessandria prima in Piemonte

Le 110.025 aziende ‘in rosa’ registrate nelle Camere di Commercio piemontesi nel 2013 confermano l’importante ruolo delle imprese ‘femminili’ nell’economia regionale. Nonostante un tasso di crescita su base annua in calo del – 0,62% rispetto all’anno precedente, l’incidenza delle imprese femminili sul totale delle aziende piemontesi è risultata pari al 24,2%, un dato superiore rispetto a quello nazionale (23,6%). A livello territoriale, è proprio l’alessandrino la provincia con il maggior numero di imprese femminili con una quota del 26,5%. A livello regionale, delle 110.025 imprese femminili,8.536 sono straniere(in aumento rispetto al 2012) e 12.350 “under 35”(in diminuzione rispetto all’anno precedente).
e imprese femminili si costituiscono prevalentemente sotto forma di imprese individuali (il 61,3%, quota sensibilmente più elevata rispetto a quella delle imprese piemontesi considerate nel loro complesso, pari al 57,4%) e di società di persone (il 27,7%), mentre soltanto il 9,3% predilige la forma delle società di capitale e l’1,6% quella delle altre forme (in cui sono comprese le cooperative e i consorzi).
Analizzando la dinamica rispetto a fine dicembre 2012, si osserva come le società di capitale (+3,57%) e le altre forme (+3,64%) continuino a manifestare una buona performance; ancora negativo, invece, l’andamento delle società di persone (-0,81%, contro il -0,06% registrato nel 2012) e delle imprese individuali (-1,25%, contrazione quasi doppia rispetto a quella rilevata l’anno precedente).

Valutando le variazioni annuali dello stock di imprese femminili registrate per settore di attività economica si osserva come soltanto i comparti del turismo (+2,10%), degli altri servizi (+0,62%) e delle costruzioni (+0,58%) abbiano registrato dati positivi, mentre sono negative le variazioni rilevate dall’agricoltura (-6,10%), dal commercio (-1,58%) e dall’industria in senso stretto (-0,43%).

“L’imprenditoria femminile si conferma una risorsa preziosa per l’economia piemontese, con una presenza sul territorio che supera in percentuale la media italiana – ha commentato Ferruccio Dardanello, Presidente Unioncamere PiemonteIl Sistema camerale dedica da anni un’attenzione particolare alle imprenditrici: presso tutte le Camere di commercio piemontesi sono costituiti i Comitati provinciali per la promozione dell’imprenditoria femminile che si occupano di sviluppo e qualificazione della presenza delle donne nel mondo dell’imprenditoria, promuovendo attività di formazione, percorsi di mentoring, indagini conoscitive per individuare gli ostacoli che le donne incontrano nell’accesso al mondo del lavoro. Unioncamere Piemonte ha inoltre rinnovato, insieme alla Regione Piemonte e alla Commissione regionale ABI del Piemonte, un Protocollo d’intesa triennale per agevolare l’accesso al credito delle imprese femminili, finalizzato alla promozione del fondo di garanzia femminile presso tutte le banche, alla collaborazione tra tutti i soggetti sottoscrittori per assistere le imprese a rischio di continuità aziendale e all’avvio di iniziative di formazione finanziaria destinate alle imprenditrici”.

adv-384