L’assessore regionale Chiorino in visita al For.Al di Valenza promette di valorizzare la formazione
adv-612

VALENZA – L’Assessore Regionale all’Istruzione, Lavoro e Formazione professionale, Elena Chiorino, ha fatto visita nella mattinata di martedì alla sede dell’agenzia formativa For.AlVincenzo Melchiorre” di Valenza, accolta dal presidente Alessandro Traverso, dalla direttrice generale Veronica Porro, e dalla responsabile di sede Barbara Battistella.

L’Assessore ha potuto apprezzare i manufatti realizzati dagli allievi del For.Al, alcuni dei quali in gara, nel corso degli anni, a concorsi nazionali e internazionali, oltre ai laboratori, prima di confrontarsi con gli allievi del corso di Tecnico specializzato di progettazione orafa, che stavano seguendo una lezione in laboratorio di oreficeria con il maestro Mauro Buzio.

Chiorino è rimasta favorevolmente colpita dalla passione con la quale gli allievi hanno descritto il procedimento per la creazione dei loro gioielli, “la manualità è il tratto distintivo che rende unico il Made in Italy“, e, ripromettendosi di ritornare a fare visita all’agenzia valenzana, ha annunciato che la Regione sta lavorando per innovare l’approccio alla formazione, anche curando il profilo dell’orientamento, oltre a consentire a realtà come quelle del For.Al di godere di un raggio d’azione maggiormente flessibile e duttile, anche in relazione alle esigenze delle aziende.

adv-664

A breve, ha sottolineato l’Assessore Chiorino, verrà licenziata una disposizione sperimentale tesa a valorizzare le agenzie formative facendo riferimento ai dati occupazionali degli allievi in uscita, nei dodici mesi successivi.
Non c’è competitività senza competenza e non c’è competenza senza formazione” è quanto ha dichiarato a margine dell’incontro nei locali di via Raffaello, ricevendo in dono un manufatto degli allievi.

Questa visita è il riconoscimento da parte della Regione Piemonte – ha dichiarato il presidente del For.Al, Alessandro Traverso – dell’importanza della nostra formazione e del distretto orafo“.