adv-314

ALESSANDRIA – Sono in crescita del 2,77% le imprese gestite da cittadini stranieri in provincia di Alessandria. In base ai dati raccolti dalla Camera di Commercio, queste realtà imprenditoriali oggi rappresentano circa il 9% del totale. A fine 2016 lo stock di imprese straniere ha infatti raggiunto quota 4041, rispetto a un totale di 43.901 aziende della provincia.

Gli imprenditori stranieri attivi nell’alessandrino arrivano in prevalenza da Marocco, Albania, Romania e Cina e nella maggior parte dei casi sono titolari di imprese individuali. Il settore più consistente, anche se in calo dello 0,67%, si conferma quello delle costruzioni, seguito dal commercio.  Il dato alessandrino, ha commentato il Presidente della Camera di Commercio di Alessandria Gian Paolo Coscia, è molto vicino alla media piemontese (9,2%). “Le aziende straniere – ha aggiunto – sono una risorsa di indubbia importanza nel nostro panorama imprenditoriale, un elemento che costituisce uno dei traini dell’economia provinciale”.

Rispetto al dato generale della crescita del +2,77%, a segnare un vero e proprio picco positivo nel 2016 è stato il settore dell’industria (+5,95%). Segno meno, invece, per il turismo (-2,87%), che tuttavia ha un basso peso percentuale sul totale imprese straniere. Altri servizi e commercio crescono moderatamente, ma rappresentano, rispettivamente, il 14 e il 25% del totale imprese straniere.