Alessandria ha il suo nuovo sindaco: al ballottaggio ha vinto Giorgio Abonante

ALESSANDRIA – Alessandria ha scelto il cambiamento. Nel ballottaggio a uscire vincitore, infatti, è stato l’ex assessore al bilancio della Giunta Rossa, Giorgio Abonante. Battuto in un testa a testa, non senza colpi di scena, l’avversario del centrodestra Gianfranco Cuttica di Revigliasco. Abonante ha così confermato il risultato del primo turno, caratterizzato da un forte astensionismo, che lo vedeva in vantaggio di due punti percentuali (40% contro il 42%). Arrivati a 93 seggi scrutinati su 93, Abonante ha ottenuto il 54,41% delle preferenze contro il 45,59% di Gianfranco Cuttica di Revigliasco.

La vittoria di Giorgio Abonante porterà in consiglio comunale 10 consiglieri del Pd (Rossa, Mazzoni, Oneto, Benzi, Molina, Di Saverio, Coloris, Giustetto, Farahat, Vanin), quattro della Lista Abonante per Alessandria (Barrera, Cazzulo, Como, Ferraris), due dei Moderati (Falleti, Malagrino), due della lista Alessandria Civica (Ivaldi, Perissinotto) e due consiglieri del M5s (Serra, Gentiluomo). Dal canto suo Gianfranco Cuttica di Revigliasco, all’opposizione, entrerà in consiglio con tre consiglieri di Fratelli d’Italia (Locci, Priano, Sciaudone), due della Lega (Roggero, Ciccaglioni), due di Forza Italia (Buzzi Langhi, Demarte) e uno della lista civica Cuttica per Alessandria (Sfienti).

adv-617

Invariate le presenze dei candidati di Giovanni Barosini. L’ex assessore ai Lavori Pubblici della Giunta Cuttica entrerà in consiglio insieme ad Arlenghi di Azione con Calenda +Europa e a Bianchini di SìAmo Alessandria.

Da oggi si inizia a lavorare“, è stato il primo commento di Abonante. “Abbiamo puntato tutto sulla partecipazione ed è una scelta che ci ha premiato. Abbiamo fatto una campagna elettorale propositiva, senza mai aggredire l’avversario, abbiamo guardato a noi e alla città. Abbiamo accorciato le distanze tra noi e la città“, ha spiegato. “Sicurezza, mobilità e sobborghi. Saranno queste le direttrici. Punteremo a un sistema ambientale che ci permetta di avere un’Alessandria più viva, partecipata e a misura d’uomo“, ha aggiunto.