“Come un tram senza freni” non è un semplice concerto, ma un racconto che ripercorre, attraverso la musica, le tappe di un processo storico che in realtà copre più anni: dalla rivolta di Barkley del 64, alle marce per i diritti civili e alla contestazione della guerra in Viet Nam, dalla morte di Che Guevara alla strage di Città del Messico del ’68, passando dal maggio francese e da Valle Giulia a Roma. Da Dylan e Joan Baez fino a Della Mea e Paolo Pietrangeli. Un viaggio nella musica che ha accompagnato la generazione dei “sognatori” con brevi testi, foto e filmati dell’epoca.

Sul palco i Suoni Ribelli con GianLuca Bianchi fisarmonica e voce, Mimma Caldirola voce, Enzo Macrì voce e regia, Dino Porcu chitarra, Otello Vanni chitarra e voce, e la partecipazione straordinaria dei Nuovi trovieri.

Ingresso libero