Autore Redazione
martedì
24 Gennaio 2017
18:05
Condividi
Cronaca - Casale Monferrato

Ordigno sul Po: sarà fatto brillare altrove entro febbraio. Ecco le misure che verranno adottate a Casale

Ordigno sul Po: sarà fatto brillare altrove entro febbraio. Ecco le misure che verranno adottate a Casale

CASALE MONFERRATO – L’ordigno della Seconda Guerra Mondiale, scoperto il 6 gennaio in un’isola di ghiaia del fiume Po a Casale, tra Piazza Venezia e Nuova Casale, sarà trasportato in un luogo sicuro e fatto brillare. Le analisi tecniche (condotte dall’Esercito, il Comitato Tecnico di Coordinamento, composto Prefettura, Questura, Esercito, Carabinieri, Protezione Civile Provinciale, Provincia di Alessandria e Comune di Casale Monferrato), ha spiegato l’assessore con delega alla Protezione Civile Sandro Teruggi, hanno portato a questa soluzione “per una serie di circostanze legate alla vicinanza del luogo di attuale collocazione dell’ordigno alla conduttura dell’acquedotto“. La bomba verrà trasferita in una domenica di febbraio ancora non definita perché sarà necessario attendere “il rientro di mezzi e materiali dell’esercito attualmente impiegati in Centro Italia per le emergenze legate al sisma e al maltempo“.

L’operazione di spostamento richiederà l’evacuazione per poche ore della popolazione nel raggio di 500 metri dal luogo in cui verrà prelevato il residuato bellico. La stessa area non sarà accessibile fino al termine delle operazioni. Tra le ulteriori precauzioni anche la chiusura del ponte stradale, benché più lontano del raggio interessato dall’evacuazione, per consentire il transito dei mezzi d’opera dell’Esercito.

Durante la chiusura dell’area di 500 metri attorno all’ordigno le forze dell’ordine garantiranno la sicurezza della zona contro atti di sciacallaggio. “La popolazione – ha concluso Teruggi – non ha di che preoccuparsi, l’ordigno già da diversi giorni è isolato con un bunker di sicurezza e vigilato dalle forze dell’ordine, inoltre dal 10 di gennaio un’ordinanza di divieto di accesso all’area attigua”. (Foto di archivio)

Condividi
Vedi anche