Autore Redazione
giovedì
6 Luglio 2017
01:04
Condividi
Politica - Valenza

Il “Kaizen”, miglioramento continuo, passa anche dai migranti

La cooperativa Kaizencoop ha avviato un processo di integrazione insieme a diversi volontari. È nata l'associazione 'Contrà Granda'.
Il “Kaizen”, miglioramento continuo, passa anche dai migranti

VALENZA – ‘Kaizen‘ in giapponese significa miglioramento continuo. Ed è questa la filosofia che muove la cooperativa impegnata a Valenza nell’accoglienza dei richiedenti asilo. Si chiama “Kaizencoop” e sta cercando di creare un processo di inter-azione con la comunità cittadina. “Ci occupiamo – ha spiegato Mirko Ariu della cooperativa – di accoglienza dei richiedenti asilo ma per poter garantire un servizio migliore e anche una azione di restituzione sociale abbiamo bisogno di strutture, oltre alla nostra, che si mettano in contatto con la cittadinanza e quanti vogliano confrontarsi con queste tematiche”.

Per realizzare questo obbiettivo è stata dunque creata una associazione di volontariato, la “Contrà Granda“, composta da diversi volontari. La cooperativa ha pensato di mutuare esempi già positivi che hanno visto il coinvolgimento dell’Amministrazione Comunale e di associazioni come la Proloco, l’Avis o la Croce Rossa.

Il problema fondamentale è accogliere queste persone che non significa solo dargli da mangiare e da dormire, ma permettergli, nel percorso di raggiungimento di status di rifugiati, di integrarsi nella società che li ospita. L’unica possibilità per arrivare a questo è introdurli nella vita quotidiana attraverso persone che conoscano il territorio.

Il processo è già partito e ha permesso di aiutare la comunità nelle cose di ogni giorno: “Abbiamo aiutato in alcuni eventi della Pro Loco, per esempio, o abbiamo attivato i migranti nelle attività svolte a favore della cittadinanza come la pulizia dei giardini o delle vie pubbliche. Stiamo collaborando con l’amministrazione comunale e con le partecipate per avviare progetti legati al miglioramenti del territorio: ad esempio piccoli lavori di manutenzione. Questo permette di rendere migliore la città e fa capire che i migranti sono un’opportunità per tutti.

Tutte queste azioni stanno contribuendo a vincere la diffidenza iniziale da parte di alcuni: “I cittadini cominciano a rispondere e a dimostrarsi disponibili. Ho visto buone risposte, ho visto cose positive”.

L’integrazione infine passa dalla conoscenza dell’italiano e dal rapporto quotidiano, anche attraverso lo sport. Per queste ragioni sono state organizzate lezioni di italiano e diverse attività sportive culminate in partecipazioni dei migranti a competizioni importanti come le partite di calcio con la F.C. Calcio Valenza, vincitrice del campionato amatori, o al campionato di C2 di Rugby con la società Tre Rose Nere.

Il “Kaizen”, miglioramento continuo, passa anche dai migranti
Kaizencoop
Il “Kaizen”, miglioramento continuo, passa anche dai migranti
Kaizencoop
Il “Kaizen”, miglioramento continuo, passa anche dai migranti
Kaizencoop
Il “Kaizen”, miglioramento continuo, passa anche dai migranti
Kaizencoop
Condividi
Vedi anche