Bagarre a Tortona durante il consiglio: intervengono anche i vigili

TORTONA – Una seduta del consiglio comunale di Tortona particolarmente animata quella che si è consumata venerdì sera quando è iniziata la discussione sull’affidamento dell’asilo nido Mary Poppins e Arcobaleno. Una vicenda spinosa per i timori dal punto di vista occupazionale dei lavoratori e le preoccupazioni dei genitori, ma talmente delicata da avere come epilogo la sospensione della seduta e l’intervento dei vigili urbani. Tutto è partito dalla proposta del consigliere del Movimento 5 stelle, Danilo Bottiroli. La sua richiesta di sospendere per un quarto d’ora il consiglio per far intervenire tre rappresentanti i genitori, i dipendenti e i nuovi gestori futuri dell’asilo nido ha acceso gli animi. La sua proposta, ha raccontato il consigliere pentastellato, “ha provocato una reazione scomposta” del consigliere Carmelo Ciniglio: “Mi ha detto che ho fatto una provocazione ‘bastarda’ e allora io l’ho invitato a occuparsi delle cose che deve seguire. Poco dopo il capogruppo PD, Marco Picchi, si è alzato e mi ha assalito fisicamente mettendomi al muro con le mani al collo. Io gli ho fatto notare l’assurdità della cosa e lui ha mollato la presa. Le riprese sono in streaming e chiunque può andare a vedere e controllare (immagini di seguito, dal minuto ’56 ndr)”.

Per il capogruppo Pd, Marco Picchi, non c’è stata alcuna aggressione e ha ricostruito così la vicenda: “Il consigliere Bottiroli dal primo minuto del consiglio comunale ha volutamente provocato continuando ripetutamente a interrompere l’intervento dell’assessore Marcella Graziano, senza averne facoltà. Lo ha fatto durante la trattazione dell’interrogazione degli asili nido e l’assunzione del personale. Questo nonostante i vani tentativi di contenere questo atteggiamento da parte della presidente Rosa Marino. A un certo punto, durante queste fasi della seduta il consigliere Bottiroli ha scagliato i fogli contro Ciniglio e a quel punto mi sono alzato e ho invitato caldamente Bottiroli a rimettersi al suo posto”.

“La situazione a quel punto – ha proseguito Picchi – è sfociata in una bagarre. Però, pur ammettendo che non è stata una bella pagina di politica, parlare di aggressione mi fa sorridere tant’è che anche con lo stesso Bottiroli ci siamo ritrovati nell’ufficio del sindaco poco dopo ed eravamo tutti tranquilli”. Bottiroli ha spiegato che ora però valuterà come agire insieme al Movimento 5 stelle.

adv-185