Filippi adesso gioca in attacco
adv-449

Se dovessimo dare un’immagine del Presidente della Provincia, Paolo Filippi, in questo momento potremmo ritrarlo come un giocatore di basket che schiaccia in faccia all’avversario. Il paragone è dettato dalla sua passione per questo sport e anche dalla sua recente propensione a rovesciare tutto quello che pensa, calpestando i formalismi imposti dalla sua fascia da massimo esponente dell’ente provinciale. Attraverso la sua pagina facebook, divenuta ormai un piccolo organo di informazione non convenzionale, Filippi ha così scagliato un’altra ‘bomba’, questa volta contro il suo partito. Il presidente è infatti intervenuto sulla consueta querelle delle autonomie locali: “mi fa molto piacere che l’iniziativa riguardo all’aiuto al Comune di Alessandria abbia passato il primo scoglio: l’approvazione dell’emendamento in Commissione. Col parere favorevole del Governo, quello stesso Governo che l’aveva cassato in malo modo nel testo del decreto. Si vede che le elezioni si avvicinano…..e anche nella terza attuale repubblica (presidenziale) le questioni di principio, contabile giuridico ecc ecc, valgono se servono. Quello stesso governo che ha appena varato per decreto il riordino delle province, con conseguenti tagli ai servizi, al personale e quant’altro ne sarà conseguenza. Nel silenzio e nell’accondiscendenza di fatto di quello che posso cominciare a chiamare quasi il mio ex partito.”
Per il momento Filippi non ha voluto aggiungere altro, neanche dopo le nostre insistenze. Se non sottolineare il “quasi” utilizzato nella frase. Un modo, forse, per ammorbidire lievemente le sue dichiarazioni. Sarà un annuncio, una finta o comportamento antiregolamentare? Certamente però il presidente adesso non nasconde la sua propensione all’attacco.