adv-838

Valenza vuole reagire alla crisi e le sta provando tutte per riaccendere un po’ di entusiasmo soprattutto in vista del Natale. Capofila di questi sforzi, in questo momento, è l’associazione Made in Valenza, protagonista, anche mercoledì sera, di un confronto con la pro loco per continuare a portare avanti il progetto del mercatino di Natale, possibilmente al mercato coperto, ma anche impegnata in una serie di altre varie iniziative, già abbozzate, da spalmare nei mesi a venire.

Come sta procedendo il lavoro ce lo ha spiegato Maurizio Guasco, uno degli esponenti dell’associazione: “noi abbiamo iniziato a fare un giro tra le varie associazioni, i commercianti, la pro loco, per cercare di capire cosa ne pensano anche loro. Credo che il mercato coperto sarà una soluzione impraticabile per una serie di problemi, però la proposta di portare il nostro artigianato in pubblico sarà qualcosa che forse riusciremo a fare. La pro loco, infatti, ci ha invitato a un mercatino organizzato per il primo di dicembre. Avremo a disposizione un gazebo per raccontare direttamente come nasce un gioiello. Il riscontro della pro loco è stato positivo e questo rappresenta per noi già un primo passo”.

Intanto però le idee non mancano e il Natale comunque è ritenuta un’occasione preziosa per la città. un’occasione per avvicinare nuove persone: “a Natale comunque ci piacerebbe che ci fosse la possibilità, da parte dell’amministrazione, di lasciare i parcheggi liberi durante il week-end. Evitare a chi viene da fuori di spendere soldi per la sosta e invogliare persone da fuori Valenza a visitare la città. Stiamo vedendo anche se riusciamo a proporre degli sconti a cdeciderà di fare acquisti a Valenza e poi vedremo di farli anche ai valenzani”.

adv-315

Prosegue quindi il lavoro per riaccendere Valenza anche perché, ha spiegato ancora Maurizio Guasco: “a volte bastano investimenti anche minimi, a volte addirittura senza alcun esborso, per fare qualcosa di diverso e di positivo”.