adv-281

Anche ad Alessandria, e in provincia, rinasce Forza Italia. Schierati in prima linea per riprendere il cammino iniziato nel 1994, la senatrice Manuela Repetti e l’assessore regionale Ugo Cavallera , affiancati dal consigliere comunale di Alessandria, Piercarlo Fabbio. Il ritorno in campo, ha spiegato la senatrice, è “una nuova sfida” che avrebbe rinvigorito “quell’antico entusiasmo”, “impallidito” durante l’esperienza nel Popolo della Libertà, ha ammesso. Il ritorno di Forza Italia, ha aggiunto, è stata “una iniezione di positività” avvertita dall’80% degli esponenti locali del Pdl che ha deciso di votare la mozione Berlusconi e riprendere quel “cammino di riforme e cambiamento per il Paese” a cui avrebbe invece voltato le spalle una parte dell’ormai ex Popolo della Libertà. “Noi abbiamo sempre voluto stare al Governo per fare qualcosa di utile, non tanto per starci” ha chiosato la senatrice ripercorrendo la strada ‘della scissione’, dalla legge di stabilità fino alla decadenza di Silvio Berlusconi. “La cacciata del nostro leader non poteva passare come nulla fosse” ha puntualizzato con vigore la senatrice, riprendendo poi le parole pronunciate anche in aula ai colleghi senatori. “Non si può pensare di fare il bene del Paese quando viene commesso un omicidio politico. Questo voler rimanere in maggioranza a ogni costo, nonostante una legge di stabilità che non segue il percorso che avevamo tracciato come centro-destra e, soprattutto, avvallare la decadenza significa tradire gli elettori. I nostri voti, quelli che come esponenti del Pdl ci hanno permesso di stare in Parlamento, ammettiamolo, sono tutti voti di Berlusconi”. A fare eco alla senatrice anche l’assessore regionale Ugo Cavallera, “un fedelissimo” che “in un batter di ciglia”, ha raccontato la senatrice Repetti, ha subito confermato l’alleanza al leader di Forza Italia. “Una scelta sentita” ha sottolineato Cavallera, senza nascondere il rammarico per una scissione “arrivata per sostenere un Governo che ci considera solo una costola, un fastidio”. Determinati a serrare i ranghi attorno al leader Silvio Berlusconi, gli esponenti locali di Forza Italia sono pronti a riorganizzarsi per affrontare questa nuova sfida, “partendo dal basso” e dai “Club forza Silvio” che “già oggi – ha concluso la senatrice Manuela Repetti – contano migliaia di adesioni in tutta Italia e un centinaio in provincia”. Anche a livello locale, quindi, Forza Italia ha rimesso la palla al centro, pronta a giocare questa nuova partita politica. .