adv-222

AGGIORNAMENTO ORE 17.55: Il deputato di Sinistra Ecologia e Libertà, Fabio Lavagno, ha condiviso l’allarme lanciato dai dirigenti scolastici casalesi per i disservizi ferroviari collegati al nuovo orario ferroviario, in vigore dal 16 dicembre. Lavagno ha già scritto all’Assessore ai trasporti della Regione Piemonte, alla Direzione Regionale del Piemonte di Trenitalia e, per conoscenza, al Ministro dei Trasporti, al Prefetto di Alessandria, al presidente della Provincia di Alessandria. L’onorevole di Sel ha chiesto la convocazione di un tavolo di programmazione tra Regione, Enti Locali, gestore del servizio ferroviario e istituzioni scolastiche. La speranza è che il confronto possa permettere di rivedere gli orari che, nella nuova configurazione, minerebbero la normale gestione dei servizi scolastici. Per Lavagno il casalese continua a essere penalizzato sul fronte del trasporto pubblico. Una politica che peraltro colpisce pendolari e studenti in particolare. Lavagno intanto sta verificando la calendarizzazione in tempi utili di un’interrogazione urgente in Commissione trasporti alla Camera.

NOTIZIA: Anche il sindaco di Casale, Giorgio Demezzi, scende in campo contro l’orario invernale di Trenitalia. Dopo aver letto i nuovi orari dei treni che transitano da Casale, Demezzi questo mercoledì ha scritto al direttore delle Ferrovie dello Stato e all’Assessore regionale ai Trasporti. “Ho ricevuto le telefonate di alcuni dirigenti degli istituti superiori e con loro ho condiviso lo stupore e l’amarezza nel vedere come, purtroppo, non si siano considerate le esigenze dei molti studenti che quotidianamente utilizzano il treno per raggiungere gli istituti cittadini. È un fatto grave, che coinvolge l’intero territorio”.

“Con l’entrata in vigore dei nuovi orari invernali giungono, puntualmente, le segnalazioni di malcontenti e disagi – ha aggiunto Demezzi – Quello che sorprende, e che non è giustificabile, è la mancanza di concertazione con le categorie di soggetti che fruiscono quotidianamente dei sempre più scarsi collegamenti, come ad esempio i molti studenti che frequentano le scuole sul territorio interessato. Sarebbe stato sufficiente verificare con i provveditorati e con i dirigenti scolastici dei vari istituti quali fossero le reali esigenze delle quali tenere conto».

adv-43

Nella missiva si ricorda, nello specifico, di come il treno che arrivava a Casale Monferrato alle 7,35 consentisse di raggiungere le scuole per l’inizio delle lezioni alle 7,50; mentre con il nuovo orario lo stesso treno arriva alle 7,48 costringendo gli studenti ad entrare a scuola in ritardo.

Un analogo problema si manifesta per il treno in partenza da Casale Monferrato per Alessandria, che prima partiva alle 13,21 mentre ora alle 12,54. Considerando che il termine delle lezioni avviene alle 13,00 questo spostamento costringe gli studenti interessati al collegamento o a lasciare la scuola anzi tempo, oppure a una lunga attesa per un collegamento successivo.

La lettera del sindaco Giorgio Demezzi si conclude con queste parole: «Vi esortiamo pertanto a esaminare con la massima urgenza queste problematiche e a porvi rimedio nel più breve tempo possibile eliminando i disagi sopra lamentati».

adv-128

Ma il primo cittadino è deciso ad andare fino in fondo alla questione e ha convocato i Sindaci del territtorio per un incontro urgente venerdì 6 dicembre alle ore 17,30 in Sala Guala: «Ancora una volta a trovarsi penalizzato è un intero territorio. Il trasporto su rotaia dell’area casalese è continuamente indebolito e credo che dovremo continuare a far sentire la nostra voce, perché se per i precedenti tagli si è riusciti a tamponare, e anche positivamente, i disagi con il trasporto su gomma, qui la situazione diventa veramente problematica».