Tra i Moderati e il Pd e’ grande gelo

Stop a tutte le attività che coinvolgono i Moderati. Il partito del segretario Cesare Miraglia ha proclamato il congelamento di ogni azione politica, in reazione a quelli che il movimento politico ha definito “attacchi” allo stesso segretario Miraglia durante il confronto di questo mercoledì con la segreteria cittadina del Pd. “Miraglia” hanno fatto sapere i Moderati “si è trovato ad affrontare tali argomenti con circa una decina di dirigenti del partito in parte non titolati a presenziare.”  “Nel confronto avuto questo mercoledì con la segreteria cittadina del Pd si è entrati nel merito di tante cose che era meglio evitare, sulle quali non mi pronuncio visto che sono punti riservati” ha detto Cesare Miraglia a Radio Gold News “siamo in attesa di un chiarimento”. Sorpreso il Partito Democratico che, in una nota firmata dal segretario Massimo Brina e dal capogruppo a Palazzo Rosso, Giorgio Abonante, ha specificato che si tratta di “questioni già oggetto del programma politico della colazione di centro-sinistra e come tali recepite nel programma di mandato. Spiace che in un momento di grave difficoltà della città, e dei conseguenti effetti sulla vita dei cittadini, la “vecchia politica” non rinunci al gioco sterile ed involuto fatto di messaggi dissimulatori scarsamente, se non per nulla, comprensibili dai cittadini.” Proprio a Palazzo Rosso, l’appoggio dei Moderati alla Giunta Rossa è decisivo per la tenuta della maggioranza. I due esponenti del Pd hanno inoltre invitato i Moderati a congelare, come atto di serietà, anche i gettoni di presenza e le indennità di carica. A questa provocazione Miraglia ha risposto per le rime: “abbiamo già intrapreso questa strada, il nostro è un movimento volontario, abbiamo anche rinunciato al finanziamento pubblico dei partiti. Peccato che il Pd non si sia informato su questo.”