A Casale in arrivo la nuova caserma dei carabinieri
adv-75

Sembra ormai essere in dirittura d’arrivo l’iter che porterà alla nascita della nuova caserma dei Carabinieri di Casale Monferrato. Entro fine dicembre, infatti, sarà formalizzato il Protocollo d’Intesa, firmato lo scorso 9 aprile, tra il sindaco Giorgio Demezzi e il direttore dell’Area Operativa dell’Agenzia del Demanio Paolo Maranca.
L’atto di permuta, redatto in seguito alla valorizzazione degli immobili, sarà discusso e quasi certamente approvato durante il prossimo Consiglio Comunale. L’accordo comprende l’acquisizione da parte del Comune dell’ex caserma Mameli di via Cavour, in cambio della cessione di una parte della caserma De Cristoforis e di un lotto della zona San Bernardino.
Ed è proprio nella zona di San Bernardino che il Ministero edificherà la nuova caserma dei Carabinieri di Casale. “In pochi mesi siamo riusciti a giungere all’atto finale di questo importante iter – ha commentato a riguardo il sindaco Demezzidimostrazione che, quando c’è la volontà e la collaborazione di tutti, si possono raggiungere gli obiettivi in breve tempo, grazie anche alla professionalità e alla dedizione degli Uffici comunali”.
Inoltre, il patrimonio librario della Biblioteca Civica Giovanni Canna potrebbe trovare presto una nuova dimora proprio nei locali dell’ex caserma Mameli. “Con gli Uffici Cultura e Lavori Pubblici – ha spiegato ancora Demezzi – si è condotto un sistematico e oggettivo studio per un eventuale spostamento della Biblioteca Civica Giovanni Canna. La biblioteca, infatti, possiede un patrimonio librario storico tra i più importanti del Piemonte, che richiede un adeguato spazio per la giusta valorizzazione e divulgazione. Ristrutturando l’ala della caserma denominata Maddalena Nuova, si riuscirebbe a creare uno spazio conservativo e di prestito librario sicuramente più funzionale e in un contesto urbano che permetterebbe di avere comodi parcheggi e un’area verde di assoluta bellezza a due passi, come i giardini storici della stazione”
Gli spazi dell’ex caserma Mameli sarebbero quindi destinati ad accogliere le opere e i libri custoditi dalla Biblioteca Civica, mentre per il materiale d’archivio e di consultazione è in fase di ristrutturazione un’ala del Castello del Monferrato.