Palazzo Rosso
adv-926

ALESSANDRIA – Una profonda sforbiciata di 2 milioni e mezzo sulla spesa corrente. Questo il taglio complessivo al bilancio preventivo del Comune di Alessandria contenuto nel maxi emendamento presentato giovedì in Commissione.

In apertura il sindaco Cuttica di Revigliasco ha comunque assicurato che non ci saranno conseguenze per il personale e saranno salvaguardati i fondi Por Fesr e del Bando Periferie. “Tutte voci volte allo sviluppo della città. In generale stiamo parlando di un bilancio tecnico, per meglio dire “asettico”, che sarà poi oggetto di una successiva verifica e riprogrammazione in una successiva fase di riequilibrio. Questa è una partita difficile e complessa: ci siamo assunti una responsabilità non indifferente. Chiedo a tutto il consiglio un atteggiamento di equilibrio e una assunzione di responsabilità per il futuro di Alessandria”.

Assessori e dirigenti, a turno, sono poi entrati nel dettaglio del documento, evidenziando quei capitoli di bilancio azzerati, quelli diminuiti drasticamente e quelli che venivano preservati. Il settore più falcidiato sarà quello dei lavori pubblici, con circa un milione e 250 mila euro in meno. Su questo punto sono intervenuti solo i tecnici, vista l’assenza dell’assessore competente che, contattato da Radio Gold, ha rimandato ogni approfondimento alla Commissione Bilancio del prossimo mercoledì, dedicata esclusivamente a questo capitolo.

adv-71

“Quella dei lavori pubblici è una nota dolente” ha sottolineato il dirigente Cerruti “è necessaria una riconsiderazione di tanti capitoli. Siamo in difficoltà per trovare subito le soluzioni e rendere i tagli compatibili alla qualità di un servizio ai cittadini minimamente accettabile. Saranno prese in considerazioni delle rimodulazioni di diversi contratti di servizio in essere”. Prevista una riduzione dell’illuminazione, la revisione dei contratti di gestione e tagli alla manutenzione dei fabbricati, alle infrastrutture delle strade e alla fornitura servizi. “Auspichiamo quanto prima una esternalizzazione della gestione dei servizi cimiteriali. In ogni caso quanti tagli e dove si effettueranno nel dettaglio sono richieste da rivolgere alla parte politica“.

Aumenterà la Tari, con due milioni in più previsti dalla riscossione nel 2020 e altrettanti nel 2021, una scelta espressamente richiesta dall’organismo dei revisori dei conti, ha specificato l’assessore all’Ambiente Borasio: “Ad oggi non siamo in grado di recuperare il 100% delle evasioni ed è per questo che dobbiamo aumentare il fondo rischi per i debiti di dubbia esigibilità, facendolo passare da 500 mila euro a 2 milioni. Dal 2013 abbiamo registrato 5 milioni di euro di evasione e purtroppo non possiamo farci carico di chi non paga” ha concluso Borasio. Sarà quindi la capacità di riscossione di Palazzo Rosso a determinare una prossima modifica delle aliquote a salire.

Azzerati i fondi per le manifestazioni e eventi, servirà il contributo di sponsor esterni per poter finanziare ogni eventuale iniziativa. Calano di 20 mila euro le cifre stanziate per il pagamento delle utenze del teatro Comunale. Al vaglio l’introduzione di tariffe per l’utilizzo delle sale stesse. Il turismo resta con soli 7500 euro in cassa per gli investimenti. Dal prossimo anno inoltre, chi arriverà negli alberghi alessandrini dovrà sborsare 2 euro di tassa di soggiorno. Sui servizi informatici di Palazzo Rosso, inoltre, il maxi emendamento contiene tagli per 233 mila euro e zero investimenti per i prossimi tre anni.

adv-261

Sulla parte dello Sport è in arrivo una riduzione di 52 mila euro sulle attività sportive. Sarà azzerato il contributo che, una tantum, veniva erogato alle associazioni sportive, arrivato a 15 mila euro totali.

“Nessun taglio significativo alla Pubblica Istruzione” ha assicurato l’assessore Straneo “grazie anche ai risparmi derivati dalla vittoria al tar sul servizio mensa“. La presidente di Commissione Oneto, del Pd, ha però rilevato un – 120 mila euro nel capitolo “Infanzia minori asili nido” e una riduzione degli investimenti di 161 mila euro. “Riguardo al primo punto si tratta di risparmi di tipo generale” ha spiegato l’assessore Straneo dopo una lunga riflessione.

“Abbiamo chiesto alla giunta di entrare di più nel merito” le parole della presidente di Commissione Vittoria Onetoabbiamo chiesto uno specifico dei vari capitoli di bilancio e occorre sapere anche qual è la reale conseguenza di questi tagli per i cittadini”. 

“Ci sono tagli trasversali in tutti i settori” le parole del capogruppo M5S Michelangelo Serrain particolare nei lavori pubblici si rischia di stralciare contratti in essere coi manutentori degli edifici comunali o coi fornitori di energia elettrica. Siamo in pre-dissesto. Consigliamo alla giunta di combattere, per il bene di tutti i nostri concittadini”.