PROVINCIA DI ALESSANDRIA – L’assessore regionale ai Trasporti del Piemonte Marco Gabusi ha rassicurato i pendolari del Comitato Difesa Trasporti Valli Stura e Orba sul mantenimento dei due treni di rinforzo messi a disposizione sulla linea Acqui-Ovada-Genova in occasione dell’ultima alluvione. La richiesta dei pendolari di non cancellare i treni aggiuntivi una volta finita l’emergenza è stata accolta con favore dall’esponente della Giunta Cirio.

“Non ci troviamo in una condizione temporanea di alluvione, ma di dissesto idrogeologico congenito che ha reso il territorio fragile, compromettendo i trasporti su strada per un periodo purtroppo non breve. I due nuovi collegamenti, uno alle 15.12 da Genova Brignole e uno alle 15.17 da Acqui, hanno dimostrato la loro utilità e credo che, a gennaio, si possa organizzare un incontro, magari a Ovada, alla presenza anche delle Ferrovie, per inserirli nell’orario in maniera permanente” ha sottolineato Gabusi che ha voluto incontrare i pendolari sul territorio per testimoniare la vicinanza agli utenti del trasporto pubblico e della volontà di risoluzione delle criticità.

In un’ora di colloquio, ha sottolineato Palazzo Lascaris, sono stati messi sul tavolo tutti i problemi della linea, racchiusi in un dossier di osservazioni e richieste, tra cui i problemi alla stazione di Ovada, la scarsità di informazioni, i ritardi e i vuoti di orario: “Non potremo risolvere tutte le criticità immediatamente” ha sottolineato l’assessore Gabusi “ma possiamo lavorare insieme per stabilire le priorità e le misure da attuare per mitigare la situazione attuale, in vista della nuova stagione di rinnovo dell’intero sistema ferroviario piemontese alla quale stiamo lavorando”.

adv-131