rio lovassina
adv-124

ALESSANDRIA – Il Partito Democratico ha chiesto la convocazione di un consiglio comunale aperto, dedicato ai tanti temi riguardanti la zona Fraschetta di Alessandria: dal problema dell’esondazione del Rio Lovassina, alla chiusura del processo Solvay, fino alle nuove produzioni Solvay, la qualità dell’acqua, dell’aria e le necessarie bonifiche interne ed esterne al perimetro della produzione, oltre al futuro degli impianti e della discarica esaurita di Aral. “Questo è il momento di fare sintesi su tutte le criticità e ridare centralità all’istituzione” ha sottolineato il consigliere Pd Giorgio Abonantechiediamo che il Comune assuma un ruolo attivo in grado di dare speranza e prospettiva ai cittadini che vivono e lavorano in quell’area e a tutta la città”. 

Dal presidente del Consiglio Comunale Emanuele Locci è arrivata a riguardo la massima disponibilità, non prima però di aver “coinvolto la conferenza dei presidenti di gruppi, in modo da decidere le modalità per affrontare questi temi”.

Più cauto sulle tempistiche, infine, l’assessore all’Ambiente, Paolo Borasio: “Avrei ritenuto più opportuna una richiesta di questo genere formulata da giovedì, dopo la presentazione degli studi epidemiologici di questo mercoledì mattina, Sul Rio Lovassina ricordo inoltre la volontà di realizzazione di un ordine del giorno congiunto, tra maggioranza e minoranza. Insomma, prima del consiglio comunale aperto ci sarebbero altri passaggi. Andiamo per gradi”.

adv-98