adv-800

ALESSANDRIA – La Segreteria del Partito Democratico di Alessandria si è schierata contro la decisione dell’amministrazione Cuttica di sospendere la Ztl in piazza Santa Maria di Castello fino alla fine dell’inverno. Il provvedimento, che dal 6 gennaio  lascerà libero il passaggio alle auto dalle 19 alle 24, agli occhi del Pd appare “chiaramente in contrapposizione” alle misure antismog che lo stesso Comune ha attivato da questo venerdì 3 gennaio per contenere i livelli di Pm10, ancora una volta schizzati oltre i limiti per quattro giorni consecutivi.

Gesti e atti che la dicono lunga sulla confusione del Sindaco e della Giunta comunale nell’affrontare i temi della viabilità e della salute degli alessandrini. E che sono di pessimo auspicio in vista della discussione sul nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS)”.
Il recupero e la rigenerazione di piazza Santa Maria di Castello, ha aggiunto la segreteria del Partito Democratico di Alessandria, ha restituito alla città “il suo bene architettonico più antico e prestigioso” e una piazza “bella e vivace. Ora qualcuno vuole trasformarla di nuovo in un parcheggio. Evidentemente il fatto che la nostra città continui a veder peggiorare la propria qualità della vita e in particolare la qualità dell’ambiente e dell’aria in tutte la analisi pubbliche non significa molto per chi ci governa”.
Il Partito Democratico di Alessandria chiede quindi al Sindaco Cuttica quello che definisce “un gesto di buon senso”: “lasci piazza Santa Maria di Castello come l’ha trovata e come hanno dimostrato di apprezzarla gli alessandrini”.