Paolo Lantero sindaco di Ovada

ALESSANDRIA – “Positivo e incoraggiante“. Paolo Lantero ha definito con queste parole l’incontro in Prefettura per aprire un tavolo di confronto sulle difficoltà legate alla mobilità delle zone delle Valli Stura e Orba da e verso Genova. Il sindaco di Ovada si è detto speranzoso per “miglioramenti importanti, anche se non in tempi brevi” del trasporto pubblico che, dalla caduta del ponte Morandi unitamente a problematiche sulla rete infrastrutturale ferroviaria, hanno reso difficoltoso – se non quasi impossibile – gli spostamenti verso la Liguria.

Nel corso dell’incontro abbiamo avuto la disponibilità e le rassicurazioni da parte delle aziende private (Trenitalia e Autostrade, ndr) sulla volontà di cercare una soluzione per migliorare la rete dei trasporti da e verso il capoluogo ligure e impedire così l’isolamento delle Valli Stura e Orba dalla Liguria“, ha specificato Lantero. Che negli ultimi tempi era diventata “più che complessa anche a causa dello stato di alcune gallerie che hanno, come riportato recentemente nelle cronache, avuto problemi strutturali“. Proprio su questo punto sono arrivati i primi propositi concreti. Nelle prossime settimane è infatti atteso l’arrivo di un “macchinario che valuterà lo stato effettivo dei tunnel autostradali per preparare così eventi mirati a garantirne la stabilità e l’eventuale messa in sicurezza“. Anche se ogni intervento straordinario alla rete autostradale, restringimento e abbattimento dei tempi devono passare dal ministero dei Trasporti.

Stessa cosa per la rete ferroviaria, che nelle tratte più periferiche ha bisogno di profondi ammodernamenti per dare un servizio efficiente e a tutti gli effetti utile alla comunità. “Sulla linea ferroviaria si stanno facendo lavori molto invasivi che, sulla linea Prasco-Genova saranno completati solo a fine marzo. A breve ci sarà una parziale riapertura che dovrebbe ridurre i disagi per tutti i pendolari“, ha aggiunto ancora il sindaco di Ovada, spiegando anche che incremento dei treni sono sempre legati al recupero di fondi e accordi sottoscritti tra Regioni. Rimane comunque la “soddisfazione per l’apertura da parte delle aziende”.

adv-434

Appuntamento ora al 16 gennaio per un secondo incontro, sempre in Prefettura, ma questa volta a Genova: “Noi sindaci abbiamo inoltre chiesto di poter stilare un calendario con incontri programmati mensilmente per continuare il dialogo e poter constatare l’avanzamento eventuale dei lavori e la fine della crisi dei trasporti“, ha concluso il sindaco Polo Lantero.