scuola castelceriolo
adv-226

ALESSANDRIA – Altro botta e risposta tra il Movimento 5 Stelle e l’amministrazione di Alessandria, questa volta sui lavori alla scuola di Castelceriolo. I pentastellati, firmatari di una interpellanza in merito, hanno accusato la giunta di non garantire il trasporto dall’istituto del sobborgo alessandrino alla Caretta di Spinetta visto che, secondo la forza di minoranza, “la scuola da lunedì sarà chiusa per lavori e le cinque classi del primo piano verranno trasferite alla scuola Caretta di Spinetta. Come mai il comune non mette i 1500 euro al mese necessari per organizzare uno scuolabus che porti i bambini da Castelceriolo a Spinetta preferendo evidentemente “la copia in materiale plastico della lupa capitolina” da mettere in un parcheggio periferico alle ore perse e al traffico generato dai genitori per portare i figli avanti e indietro ogni giorno?” hanno attaccato i pentastellati e “perché questi lavori alla copertura non sono stati fatti quando la scuola era chiusa nella pausa estiva invece che nella stagione invernale a scuole aperte?”. 

Secca la smentita ai microfoni di Radio Gold dell’assessore ai Servizi Educativi, Silvia Straneo: “I lavori per il rifacimento di una parte del tetto sono iniziati mercoledì scorso e non comporteranno alcuna chiusura della scuola che potrà comunque ospitare tutti gli studenti senza alcun problema. Gli alunni trasferiti? Si tratta di una ipotesi che riguarderebbe solo due classi ed è stata promossa dalla dirigente scolastica, per una migliore gestione logistica degli alunni. Non c’è ancora nulla di deciso o stabilito: toccherà alle famiglie scegliere se accettare o meno. Non saranno obbligate. Il Comune, su questo aspetto, si fa garante”.

In caso di trasferimento temporaneo a Spinetta Marengo, ha inoltre aggiunto l’assessore Straneo, l’amministrazione farà il possibile per agevolare lo spostamento: “Sul trasporto alunni solleciteremo Amag Mobilità in merito a questa modifica ma, in questo caso, ricordo che il Comune di Alessandria è socio di minoranza. Sul servizio di refezione, invece, garantisco già da ora che non ci sarà alcun problema”.

Oltre che alla Montanari di Castelceriolo, il membro della Giunta Cuttica ha sottolineato che sono stati avviati i lavori di riammodernamento anche della scuola di Bettale, mentre dal 3 febbraio partiranno i cantieri negli istituti di San Michele e Valmadonna.