nuoto club
adv-981

ALESSANDRIA – Gestore del Circolo Sportivo Barberis di Alessandria da 12 anni, da qualche mese il presidente dell’associazione Bob Team, Antonio De Santis, ha chiesto informazioni all’amministrazione sulla possibilità di poter acquisire anche il Campo d’Atletica e il Nuoto Club, creando così una vera e propria “cittadella dello sport”.

“Lo sogno da anni” ha sottolineato De Santis che, ai nostri microfoni, ha confermato il fatto di non essersi fatto avanti ufficialmente nel bando precedente a causa, secondo lui, della mancanza di sostenibilità economica dell’operazione. “Per mantenere una struttura del genere occorre uno specifico piano economico-finanziario sostenibile. Il campo di atletica non ha entrate. In caso di contributo del Comune proprio sul campo scuola, invece, se ne può parlare. Una cifra congrua potrebbe attestarsi intorno ai 115 mila euro”.

“Da anni immagino un complesso sportivo completo, che alterni soluzioni ricreative e agonistiche. Insomma, sarebbe bello che i centri sportivi di oggi rappresentassero per i ragazzi quello che una volta erano per noi gli oratori, luoghi dove venivano trasmessi valori positivi”.

Entrando nel dettaglio, l’obiettivo dell’imprenditore è, rispetto al Nuoto Club, demolire l’impianto natatorio e costruirne uno nuovo, al coperto, aperto 12 mesi all’anno. “In questo modo ci sarebbero due vasche: quella scoperta già in funzione, al Barberis, avrebbe funzioni ricreative, mentre quella nuova, al piano terra del Nuoto Club e non al primo dove è ora, resterebbe a disposizione degli sportivi”. 

In merito al Campo di Atletica, invece, De Santis vorrebbe provare a valorizzarlo attraverso importanti meeting sportivi e non solo. “Io stesso vengo dal mondo dell’atletica, conosco bene quel mondo. Sono un allenatore di campioni a livello nazionale come Paolo Dal Molin. Al Campo Scuola si potrebbero creare tanti eventi sportivi e non solo, per farlo conoscere: da concerti a mostre canine oltre che, ovviamente, meeting e gare. Atleti come la nostra Valeria Straneo, ovviamente, rappresenterebbero inoltre un veicolo importante”.