ITALIA – “Nonostante il lungo e imprevedibile periodo di lockdown a causa del coronavirus abbia consentito alla società concessionaria di effettuare lavori di manutenzione su viadotti e gallerie, la situazione sul tratto autostradale della A26 tra i caselli di Ovada e Genova Pra in entrambi i sensi di marcia non è migliorata, anzi. Non è giusto che di questa viabilità critica debbano pagare il conto gli automobilisti“. Lo ha detto il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera dei Deputati Federico Fornaro. 

“E’ quindi necessario un immediato intervento del ministero delle Infrastrutture e Trasporti per ottenere dalla società concessionaria della A26 l’esenzione del pedaggio appenninico tra Piemonte e Liguria in entrambe le direzioni di marcia. Sarebbe un parziale riconoscimento dei persistenti disagi provocati dai cantieri. Non si può continuare a far pagare il pedaggio su questa tratta come se la viabilità fosse normale”.