ALESSANDRIA – “Digit.Ale” è l’iniziativa promossa dall’Assessorato all’Innovazione del Comune di Alessandria in collaborazione con la quattordicenne Valeria Cagnina, studentessa dell’Istituto Volta detentrice del titolo Digital Champion di Alessandria. Lo slogan Digit.Ale riunisce eventi, associazioni e progetti nella provincia alessandrina inerenti tematiche informatiche, web e innovazione digitale, con l’intento di valorizzarli e coordinarli al meglio. Il programma si pone l’obiettivo di diminuire il divario presente tra giovani ed adulti in termini informatici, ovvero il Digital Divide tra chi conosce tutte le funzionalità e le applicazioni di un computer e chi invece non si spinge oltre le basi o si focalizza su un singolo software. L’assessore Mauro Cattaneo ha indicato come sia indispensabile lavorare anche sull’ampliamento dei cosiddetti diritti digitali, considerando che quattro italiani su dieci non dispongono di un accesso ad Internet: “Il dato è in crescita annuale del 2%, circa 8000 persone in più all’anno. Ciò potrebbe apparire come una percentuale positiva, ma di questo passo ci vorranno più di trent’anni perché tutti i cittadini italiani dispongano di Internet nelle loro case. Bisogna quindi promuovere progetti riguardo l’apertura di reti Wi-fi libere, considerando le questioni di mercato nel bacino d’utenza alessandrino”.

Oltre ad essere un marchio di garanzia, Digit.Ale è anche una comunità, basata su una realtà di fondo che si muoveva in modo autonomo su questi temi che l’amministrazione ha deciso di far riemergere. Digit.Ale si è materializzato in una pagina Facebook aperta mercoledì, che conta già una sessantina di mi piace, consistendo in un luogo comune di garanzia e dibattito per i followers già eruditi in ambito informatico, fornendo tuttavia una base d’appoggio per i desiderosi di curiosità su www e pacchetti software. Continua dopo il banner

adv-907

La prima attività presentata da Digit.Ale sarà l’avvio di Coderdojo ad Alessandria, gestito dalla Digital Champion Valeria Cagnina è attivamente impegnata. Nato nel 2011 sull’idea di un imprenditore irlandese, Coderdojo è un sistema alternativo e divertente per insegnare ai bambini i codici di programmazione, come spiega la stessa Valeria Cagnina: “L’intento è sconfiggere il Digital Divide cercando di digitalizzare i bambini dai 4 ai 17 anni tramite semplici programmi informatici gratuiti. Serve una svolta decisiva, cominciando proprio da loro. Il progetto non è però pensato come una scuola ma più come una palestra, perché non si deve imporre l’insegnamento ma imparare allenandosi e divertendosi. I bambini possono diventare supereroi informatici, apprendendo tutte le potenzialità di un computer utilizzando una serie di programmi come Scratch”.

I primi due incontri del Coderdojo Alessandria si terranno il 28 febbraio e il 28 marzo alla Casa di Quartiere in Via Verona 116, dalle 15 alle 17. Il calendario si protrae fino a giugno, l’iscrizione agli incontri, completamente gratuiti, è a prenotazione libera CLICCA QUI e sarà necessario portare un pc portatile, una batteria e un mouse, oltre a tanta voglia di divertirsi insieme. 

Di seguito il calendario completo degli incontri del CoderDojo Alessandria

Casa di Quartiere in via Verona

Sabato 28 febbraio – ore 15-17

Sabato 28 marzo – ore 15-17

Sabato 25 aprile – ore 10-12  

Domenica 17 maggio – ore 15-17

Sabato 13 giugno – ore 15-17 

Oratorio S. Michele

Domenica 29 marzo – ore 15-17

 

Giacomo Pelizza