adv-786

ROMA – Sono parole di soddisfazione quelle che gli alessandrini Federico Fornaro (Leu) e Susy Matrisciano (M5s)hanno speso per commentare la vittoria del Sì al Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari. “Il dato dell’affluenza è stato al di sopra delle previsioni della vigilia. Il 53,8% di votanti, infatti, è uguale alla percentuale del referendum costituzionale del 2006 e inferiore solo al 68,5% di quello del 2016 che si era però caricato di altri significati politici. Un’affluenza elevata e ancor più significativa se si tiene conto dell’emergenza Covid 19 in corso e ai giusti timori di contagio in particolare nell’elettorato più anziano. Un’alta partecipazione al voto è sempre una vittoria della democrazia“, ha detto il capogruppo alla Camera di Liberi e Uguali, Fornaro.

Che poi conclude: “Il messaggio che arriva dalle urne al Parlamento è quindi quello della massima sobrietà e della maggior efficienza delle istituzioni. Adesso si deve andare avanti nell’approvazione dei correttivi costituzionali (base di elezione del senato e numero delegati regionali per elezione presidente della Repubblica), di nuovi regolamenti parlamentari e di una nuova legge elettorale con un impianto proporzionale“.

A fargli eco la senatrice del Movimento 5 stelle, Matrisciano, che ha sottolineato come “sui grandi temi di cambiamento vinciamo noi! Sui vecchi schemi e le vecchie politiche la spuntano ancora i vecchi partiti. La rivoluzione culturale del Movimento 5 stelle è appena iniziata! Adesso avanti con la prossima battaglia: taglio degli stipendi, legge elettorale e modifica regolamenti Camere”. Nella nota pubblicata su Facebook, l’esponente del M5s ha poi aggiunto: “Sappiamo che anche in questo sarete al nostro fianco. Grazie a chi ci ha creduto fino alla fine!”.

adv-44