adv-970

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Sono circa 60 i posti che, secondo Cgil, Cisl e Uil, Fials e Nursing Up ancora non sono ancora stati colmati all’interno dell’Asl di Alessandria, sulla base dell’accordo siglato lo scorso 2 dicembre “per la corretta copertura di turni e servizi”. Su 60 infermieri previsti ne sono stati assunti 30. 10, invece, i nuovi operatori sociosanitari arrivati, su un fabbisogno di 33, oltre a qualche tecnico di laboratorio rispetto ai 10 pattuiti. Necessari anche tecnici di radiologia e prevenzione.

“L’accordo di inizio dicembre” hanno aggiunto le parti sociali “prevedeva la copertura di servizi attraverso l’utilizzo di prestazioni aggiuntive per 6 mila ore per infermieri e 3 mila ore per gli operatori socio sanitari per sopperire alle assenze di personale sino al 31 gennaio e, sempre nell’incontro del 11 gennaio, abbiamo scoperto che tali ore sono già finite al 31 dicembre, senza alcuna comunicazione, e non sappiamo come coprire le assenze urgenti e improvvise. Cosa comunichiamo ai lavoratori che nel mese di gennaio hanno effettuato ed effettuano doppi e tripli turni? Verranno pagati? In che modalità?”

“Se nei prossimi giorni non verrà invertita la rotta con un effettivo riscontro alle nostre richieste di assunzioni ed implementazione degli organici, già previste nell’accordo saremo pronti a mobilitarci a salvaguardia dei lavoratori e dei cittadini” hanno sottolineato le parti sociali, ipotizzando quindi un’eventuale dichiarazione di stato di agitazione qualora non ci fossero novità significative.

adv-862