Fornaro: “Nell’alessandrino serve potenziare traffico ferroviario non nuove autostrade”

ALESSANDRIA – “Le infrastrutture sono fondamentali per il futuro dei nostri territori e per cogliere le opportunità generate dalla crescita dei traffici di merci nei porti liguri – il parlamentare di Articolo UNO e capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro, a margine del convegno “Passaggio a Nord Ovest” di oggi ad Alessandria. “La nostra economia ha bisogno di una robusta “cura del ferro” per aumentare significativamente la quota ferroviaria nel trasporto delle merci e dei passeggeri, a cominciare dal rilancio dello scalo ferroviario di Alessandria e il potenziamento delle realtà logistiche esistenti nella nostra provincia. Il basso Piemonte è il naturale retroporto della Liguria con il conseguente sviluppo di una logistica a valore aggiunto. È altresì necessaria la realizzazione del casello autostradale di Predosa per migliorare i collegamenti verso Acqui Terme, acquese e ovadese sia in chiave produttiva sia per il turismo.

Questa provincia non ha invece bisogno di una nuova autostrada, la Albenga-Carcare-Predosa: un progetto figlio di un modello di sviluppo superato e in aperta contraddizione con lo sforzo straordinario della transizione ecologica. È una precisa scelta strategica, infatti, che il PNRR, su precisa indicazione dell’Europa, non destini neppure un euro per investimenti su strade e autostrade. Ci sono invece nel PNRR risorse importanti per migliorare i collegamenti ferroviari per le merci via Alessandria-Savona e per le linee pendolari verso Genova e Milano. Ci si concentri su questi progetti ferroviari (e sul casello di Predosa) e non si insegua la chimera di una nuova autostrada costosa e di cui francamente non si sente bisogno in una provincia già attraversata da tre autostrade e da un raccordo autostradale”. 

Lo ha detto .