Fornaro (LeU) sulla crisi delle Terme di Acqui: “Proprietà restituisca la concessione”

ACQUI TERME – “L’annuncio dei 25 licenziamenti collettivi dei dipendenti delle società Terme di Acqui rappresenta l’ultimo passo di un’autentica distruzione del patrimonio del termalismo acquese, noto fin dall’antichità, messo in atto dalla proprietà. Alle lavoratrici e ai lavoratori piena solidarietà. Adesso però, coerentemente al loro progetto demolitorio, i proprietari delle Società terme di Acqui restituiscano alla Regione le concessioni minerarie per l’utilizzo dell’acqua termale che sono e devono rimanere un bene pubblico e non privato“. A scriverlo in una nota il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro.

adv-427

In caso contrario, la Regione Piemonte valuti se non vi siano i presupposti per la revoca della concessioni. Non è più possibile tenere in ostaggio un’intera città e il territorio dell’acquese. Basta con il monopolio di chi, per di più, non è interessato a sviluppare l’attività termale”, ha chiuso Fornaro.

adv-548