Elezioni Alessandria, Fabbio (Udc): “Ora l’obiettivo è crescere trovando soluzioni ai problemi dei cittadini”

ALESSANDRIA – L’Udc di Alessandria ha commentato i risultati del ballottaggio, con la sconfitta del centrodestra. Il successo di Giorgio Abonante impedirà al partito, coordinato a livello provinciale dall’ex sindaco di Alessandria Piercarlo Fabbio, di contare su una rappresentanza in consiglio comunale. Se avesse vinto Cuttica di Revigliasco, infatti, sarebbe stato eletto consigliere l’ex vicesindaco Franco Trussi. 

Giovedì sera i componenti del comitato e alcuni membri della lista alle amministrative per incrociare analisi e riflessioni. “Il risultato è da tenere in considerazione soprattutto per il futuro – ha rimarcato il commissario provinciale Piercarlo Fabbio “la mancanza di un consigliere comunale di riferimento ci obbligherà a meglio acquisire informazioni e notizie non essendo troppo vincolati dal palazzo; soprattutto non possiamo continuare nella narrazione di errori o insufficienze sul piano elettorale, perché quello che interessa è il versante politico e la mera misurazione del consenso non aiuta a crescere, cosa di cui invece l’UDC in Alessandria ha bisogno. E per crescere bisogna vivere i problemi dei concittadini, trovando soluzioni sostenibili che la cosa pubblica potrà risolvere”.

Proprio in questa ottica l’Udc ha promosso la “Summer School“, dedicata non solo a coloro che ritengono di fare cammino comune nell’UDC, ma anche a chi intende esaminare temi di interesse
cittadino o provinciale legati all’ambiente, al lavoro, alla salute, all’economia, alla cultura. Si è quindi messa in moto l’organizzazione formativa del partito che in capo a qualche giorno
presenterà un programma di incontri specifico.

“In aggiunta l’UDC dovrà prendere l’iniziativa di costruire una comunità, una famiglia politica in Alessandria, che parta dalle precedenti esperienze e tenda ad interessare un più ampio
panorama di persone e di operatori politici”.