Carpeneto diventa sostenibile con il Comitato per la biodiversità e il Teatro delle Api

CARPENETO – Carpeneto è un Comune a misura di ape. Mercoledì 14 settembre il Comitato tecnico – scientifico per la tutela della Biodiversità e dei Pronubi – il primo in Piemonte e in Italia – ha svolto nel paese della nostra provincia la prima riunione al Centro sperimentale vitivinicolo di Fondazione Agrion. Lo stesso giorno, al Centro ricerche, è stato inaugurato il Teatro delle Api, un’oasi fiorita costituita da piante mellifere e arbusti in grado di favorire la sopravvivenza di questi insetti.

adv-810

Il Comitato – importante tassello del progetto “Oasi fiorite per la Biodiversità” presentato ufficialmente da Regione Piemonte in collaborazione con Fondazione Agrion lo scorso 25 marzo a Torino – raggrupperà e supporterà tutte le iniziative volte ad arricchire gli ambienti agricoli e urbani di superfici ricche di fioriture in grado di garantire un ottimo approvvigionamento di alimenti per le api in periodi diversi dell’anno. Le api domestiche e selvatiche sono responsabili di circa il 70% dell’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi. Questi insetti garantiscono approssimativamente il 35% della produzione globale di cibo. La loro salute è quindi a cuore di apicoltori e agricoltori.

Secondo l’assessore all’Agricoltura e Cibo della Regione Piemonte Marco Protopapa, l’insediamento del gruppo di lavoro sancisce il ruolo centrale del Piemonte nella ricerca sulla sostenibilità ambientale e nella tutela del territorio rurale e degli ecosistemi. Protopapa aggiunge che questi sono temi a cui tutte le filiere agricole devono guardare per continuare ad offrire prodotti agroalimentari di qualità made in Piemonte. “Per il raggiungimento di questi obiettivi resta importante la partecipazione delle diverse realtà presenti a livello locale come dimostrano i Comuni che hanno aderito all’iniziativa Oasi fiorite ed i soggetti che hanno contribuito alla nascita del Teatro delle api a Carpeneto”.

Il Teatro delle Api avrà finalità didattiche e culturali: servirà a sensibilizzare le nuove generazioni verso il rispetto per l’ambiente con una conoscenza diretta di ciò che può favorire la biodiversità e in estate, ad esempio, ospiterà concerti e spettacoli teatrali. È stato realizzato da Soroptimist Alessandria e progettato dall’architetto paesaggista Caterina Mandirola con il sostegno di Fondazione CR Alessandria, con il patrocinio di Camera di Commercio Asti-Alessandria e in collaborazione con Regione Piemonte, Fondazione Agrion e il Comune di Carpeneto.

“Soroptimist Alessandria ha scelto di realizzare l’anfiteatro presso l’area storica di Tenuta Cannona in quanto posizione strategica rispetto ad un bacino di utenza ampio che va oltre l’ambito del Comune di Carpeneto: si propone come punto di richiamo per iniziative che coinvolgono il retroterra alessandrino e ovadese” – sostiene il presidente di Agrion Giacomo Ballari. “Il Teatro delle Api tende a sottolineare la valenza attuale che assume la Fondazione Agrion, mirata non solo alla prosecuzione dell’attività del passato, ma soprattutto centrata sulla ricerca e sulla sperimentazione a supporto di un’agricoltura più sostenibile e rispettosa dell’ambiente”.

 

Foto di Anja-#pray for ukraine# #helping hands# stop the war da Pixabay