In 500 a Torino per difendere l’Ospedale di Acqui Terme
adv-138

ACQUI TERME – Sette pullman sono partiti questo martedì mattina da Acqui Terme con destinazione Torino per la manifestazione in difesa dell’Ospedale acquese. In Piazza Castello si sono poi radunate oltre 500 persone, tra cui 29 sindaci con le loro fasce tricolore e  tanti cittadini, di cui una parte arrivata in treno o in auto. Tutti insieme hanno sfilato in corteo fino a Palazzo Lascaris per incontrare l’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta. Dopo qualche ora di attesa, ha spiegato Enrico Bertero, tutti i 29 sindaci e una delegazioni di cittadini hanno varcato le porte della sala del Consiglio Regionale per il confronto con il vertice della sanità regionale, affiancato dal vice presidente del Consiglio Regionale, Nino Boeti. “All’incontro erano presenti anche i consiglieri regionali  Paolo Mighetti e Davide Bono del Movimento 5 Stelle,  Massimo Berutti di Forza Italia, Roberto Cota della Lega Nord, Domenico Ravetti e Walter Ottria del Pd” ha precisato il sindaco di Acqui. A nome di tutti i primi cittadini del distretto acquese, Bertero ha quindi rimarcato le richieste già avanzate durante l’incontro di venerdì e anche le perplessità in merito alla soluzione dell’elisoccorso attivo anche di notte come risposta ai casi di emergenza (clicca QUI per la notizia).

Questo martedì, ha aggiunto Bertero, i sindaci hanno comunque incassato “un’altra importante apertura” dell’assessore Saitta rispetto alla possibilità di creare un canale diretto tra l’Ospedale di Alessandria e quello della città termale per ovviare ai disagi legati ad esempio all’Urologia. “Sappiamo che non possiamo tornare alla situazione ‘ex ante’ ma sui salvavita non siamo disposti a cedere” ha rimarcato Enrico Bertero, ricordato anche le 19.156 firme raccolte per tutelare “il diritto alla salute degli acquesi”. Conclusa la manifestazione a Torino, giovedì i sindaci torneranno a incontrarsi per decidere i membri della delegazione che parteciperà al tavolo di lavoro promesso già la scorsa settimana dall’assessore Saitta. “Subito dopo invieremo la richiesta per il primo incontro. Il tavolo si terrà ad Alessandria e Acqui Terme e noi puntiamo ad avere il primo confronto con i tecnici di fiducia dell’assessore Saitta entro mercoledì della prossima settimana. Il nostro obiettivo, infatti,  è di chiudere la partita in un mese e mezzo e anche l’assessore regionale ci ha confermato la volontà di procedere a ritmi serrati. Ad oggi abbiamo avuto un’importante apertura e molte parole. Vedremo. Diciamo che siamo fiduciosi ma prudenti”.

Foto tratta dalla pagina Facebook di Enrico Silvio Bertero

Tatiana Gagliano