The Black Keys pubblicano il nuovo album Dropout Boogie il 13 maggio
Dopo 10 album, di cui gli ultimi cinque sono stati Top 10 o ancora meglio, sei Grammy awards e tour sold-out in tutto il mondo, The Black Keys sono tornati: il duo definito da Stephen Colbert “la band più fidata d’America” e da Uncut  “una delle migliori band rock’n’roll del pianeta” pubblicano il loro nuovo e undicesimo album in studio dal titolo Dropout Boogie il 13 maggio su etichetta Nonesuch Records. Dropout Boogie vanta collaborazioni con Billy F. Gibbons (ZZ Top), Greg Cartwright (Reigning Sound) e Angelo Petraglia (Kings of Leon). Come è stato per tutta la loro carriera, Dan Auerbach e Patrick Carney hanno scritto tutto il materiale in studio, e il nuovo album cattura un certo numero di prime prese che richiamano il rock blues strippato dei loro inizi, quando facevano musica insieme negli scantinati di Akron (Ohio).
Dopo aver messo a punto le idee iniziali come duo nello studio Easy Eye Sound di Auerbach a Nashville, Auerbach e Carney hanno dato il benvenuto ai nuovi collaboratori Billy F. Gibbons, Greg Cartwright e Angelo Petraglia alle sessioni di Dropout Boogie. Anche se i Black Keys avevano già scritto dei brani con il produttore/collaboratore Danger Mouse, questa è la prima volta che hanno invitato diversi nuovi collaboratori a lavorare contemporaneamente su uno dei loro album. Si possono sentire sia Cartwright che Petraglia sul primo singolo del nuovo album, “Wild Child”.
I Black Keys avevano già suonato con il leggendario chitarrista degli ZZ Top Billy F. Gibbons più di dieci anni fa a Los Angeles, mentre gli ZZ Top stavano lavorando a un album con il produttore Rick Rubin. “Non abbiamo mai veramente scritto una canzone, avevamo solo delle idee che abbiamo messo giù“, ha detto Carney. “Volevamo solo passare del tempo con lui. Siamo rimasti in contatto e Dan l’ha invitato in studio quando abbiamo iniziato a lavorare all’album“.