Esce venerdì 27 novembre La Rivoluzione Del Battito Di Ciglia, il diciannovesimo album della discografia degli acquesi Yo Yo Mundi. La band ha sempre amato stupire e migliorarsi ad ogni nuovo passo della propria carriera, e il titolo è la sintesi precisa di un vero e proprio manifesto della loro poetica e del loro impegno, una frase che esprime due concetti opposti, un vero e proprio ossimoro. La parola “rivoluzione” così piena di forza e di energia declinata insieme al battito di ciglia, atto spontaneo e delicato. Uno sposalizio tra opposti che può generare qualcosa di davvero inedito, quella rivoluzione gentile tanto desiderata che finalmente potrebbe cambiare le sorti del mondo, nel segno del rispetto e della tutela dell’ambiente, del pianeta, delle differenti culture e dei diritti delle persone e di tutte le specie viventi.

Rivoluzione, cioè un atto potente, energico, collettivo e certamente mosso dall’urgenza di cambiamento insieme al battito di ciglia, che invece è un atto istintivo, incontrollabile, a volte appena percettibile ma, attenzione, a oggi ancora irriproducibile da tecnologia e robotica (sarà questo l’ultimo presidio dell’umanità?). Questo è il doppio fil rouge che unisce tutte le canzoni dell’album che cade in un momento storico assai particolare e assai difficile: le persone cercano risposte che non trovano, risposte alle proprie esigenze di felicità e diritto all’esistenza sostenibile, eguale e che politica, ideali, clima non restituiscono.  Gli Yo Yo mundi sono fermamente convinti che sia giunta l’ora di tornare ad atti collettivi fraterni di scambio, baratto, condivisione, unità d’intenti.

Alla registrazione del disco, oltre ai quattro Yo Yo Mundi “ufficiali” (Paolo Enrico Archetti Maestri, Eugenio Merico, Andrea Cavalieri e Chiara Giacobbe) hanno partecipato anche alcuni ex componenti e collaboratori storici della band (Dario Mecca Aleina, Fabio Martino, Daniela Tusa, Fabrizio Barale, Andrea Calvo) e ospiti di rilievo come Marino Severini dei Gang e i jazzisti Giorgio Li Calzi e Maurizio Camardi.

adv-283

Questa la tracklist del disco:

01 Ovunque si nasconda

02 Fosbury

adv-386

03 Spaesamento

04 Il respiro dell’universo

05 Il paradiso degli acini d’uva

06 Bacio sospeso

07 Il silenzio che si sente

08 Lettera alla notte

09 Ninna nanna del filo

10 VCR

11 Umbratile