ECONOMIA – Fare un mutuo o entrare in affitto? Questo è il dubbio che affligge chi sta per compiere il grande passo. Prendere casa infatti è una tappa importante della vita soprattutto nel difficile momento economico di oggi. La risposta alla domanda iniziale potrebbe sembrare complicata, anche perché all’apparenza entrambe le alternative impongono sacrifici e concretizzano degli svantaggi. Oggi il mutuo incute più paura perché l’instabile situazione economica incute paura: accollarsi un debito mensile per tanti anni potrebbe infatti divenire troppo pesante da sopportare sul lungo. Dall’alatra parte però l’affitto presenta altri svantaggi: a meno che non si opti per il classico immobile non in buone condizioni, costa molto.

In realtà però il quesito iniziale non ha molto senso. Basta superare i timori iniziali per analizzare con freddezza il tema e optare prevalentemente per il mutuo. Quando si affitta casa, si paga un canone per molto tempo senza poi avere nulla in mano. Quando si accende un mutuo, si paga la rata per lo stesso lasso di tempo ma il risultato finale è la proprietà della casa stessa. In fin dei conti, il mutuo – certo con un po’ di fantasia – può essere considerato come una sorta di affitto con il lieto fine. Leggi il resto dell’articolo QUI.